DICIANNOVENNE PIOMBINESE SUICIDA AL PORTO VECCHIO

E' STATO RITROVATO STAMANI DA UN POLIZIOTTO FUORI SERVIZIO. IL GIOVANE NON AVREBBE RESISTITO ALLA FINE DEL RAPPORTO SENTIMENTALE CHE LO LEGAVA AD UNA COETANEA

Diciannove anni e tutta una vita da vivere, ma non è andata così. Francesco Catalano 19 anni di Piombino, ha deciso di togliersi la vita ieri sera. Il corpo è stato trovato appeso alle scalette di ferro sotto il cavalcavia di via Portovecchio che conduce al porto della città. Un luogo nascosto, tranquillo dove Francesco, dopo essere uscito da lavoro ieri sera alle 22 (attualmente era in forza alla Lucchini) si è recato per farla finita.
Il padre di Francesco si è era ucciso lo scorso settembre a Torino, la madre vive da sola in una abitazione di Piombino mentre il ragazzo risiedeva in città con il nonno ed uno zio. Il fratellino di appena 9 anni è invece ospite di una comunità. Una situazione dunque molto difficile a livello familiare che potrebbe aver creato disagi e tormenti in Francesco, ma ovviamente non è dato saperlo. Sappiamo però che sono partiti alcuni sms dal suo cellulare diretti alla ex ragazza ieri , in tarda serata. Sembra che non vi fosse scritto niente di esplicito su quanto aveva intenzione di fare ma che solo rileggendoli dopo l’avvenuta tragedia fosse possibile intuire qualcosa fra le righe. Sul corpo non verrà effettuato nessun esame autoptico.

Indietro venerdì 20 gennaio 2006 @ 19:44 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus