Due eroi ricordati nella festa del 2 giugno

Sarà inaugurato un cippo granitico e una targa in memoria del comandante del porto Giuseppe Massimo, e del suo segretario Rodolfo Vona

celebrazioni

Il Circolo Pertini, che da oltre 10 anni si impegna nel mondo della scuola e nel sociale, partecipa al programma della Festa della Repubblica del 2 giugno, avendo raggiunto un’intesa con il Comune mediceo e napoleonico, la Capitaneria di porto e l’Autorità portuale di Portoferraio e Piombino. Due le fasi del programma per cui il 2 giugno il Comune di Portoferraio, avendo aderito alla manifestazione del Comune di Rio nell'Elba, invita a partecipare alla mattinata della Festa Nazionale nel paese collinare, durante la quale si svolgerà la messa, la sfilata della fanfara dei bersaglieri dei bersaglieri di Cecina, poi il sindaco De Santi terrà il discorso istituzionale. Per mercoledì 10 appuntamento invece al pontile Massimo di Portoferraio, quando alle 12 sarà inaugurato un cippo granitico e una targa in memoria del comandante del porto Maggiore Giuseppe Massimo, e del suo segretario Rodolfo Vona, che nel 1943 aderirono al Comitato di liberazione contro l’oppressione nazifascista. Il comandante fu poi catturato, deportato in un lager e ucciso. Saranno presenti all'evento le autorità locali e anche i parenti dei compianti militari della Marina, Francesco Massimo, nipote dell’eroico comandante, la figlia del partigiano Rodolfo, Mariagrazia Vona e ovviamente rappresentanti del Circolo Pertini che hanno promosso l’iniziativa nell'ambito del “Progetto Memoria”, esposto nel sito www.circolopertinielba.org, contenente altre testimonianze del passato. Non potrà mancare Mario Castells testimone, classe 1917, dei fatti del 1943, anche lui molto legato al ricordo del comandante Massimo.

Circolo Pertini

Indietro lunedì 1 giugno 2015 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus