“La fusione? Un alibi per gli insuccessi dei due sindaci”

Il consigliere PD Coluccia ribadisce la sua contrarietà al progetto

Rio Elba

Condividi
Pino Coluccia

Venerdì prossimo, ore 18 al Teatrino Garibaldi, è convocato il Consiglio Comunale di Rio nell'Elba per discutere e porre all'approvazione la procedura concordata tra i due Sindaci Galli e De Santi, per la fusione dei Comuni di Rio Elba e Rio Marina.

“Questo processo - ricorda il capogruppo di minoranza PD di Rio Elba, Pino Coluccia - ha origine principalmente nella cultura populista dell'antipolitica e dell'antiistituzione , che ha ispirato la costituzione delle due liste con a capo gli attuali Sindaci. A questo si aggiunge la magra e non soddisfacente prestazione amministrativa fatta dalle due amministrazioni, che registrano, ciascuna all'interno delle proprie comunità, lamentele per immobilismo, mancanza di risultati apprezzabili, anche nelle piccole cose. Questo malcontento generato da delusioni rispetto alle promesse ed aspettative – dice ancora Coluccia - i due Sindaci, hanno pensato bene di dirottarlo da un giudizio critico e negativo su di loro alla supposta inadeguatezza istituzionale dei due Comuni, come se la loro non efficienza e incapacità di risolvere i problemi, dipendesse e ricadesse, sulla loro dimensione o ripartizione territoriale”.
“I cittadini, le comunità riesi e delle frazioni – dice ancora Coluccia, che ribadisce la sua contrarietà alla fusione - sanno bene che se i Comuni sono amministrati bene e collaborano proficuamente fra loro, a prescindere dalle maggioranze che li governano, dipende sia da buoni amministratori, con idee chiare sul che fare, come il passato insegna, sia da adeguate condizioni economiche e finanziarie”.
 

Indietro mercoledì 15 febbraio 2017 @ 11:25 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus