"L'ipotesi Cala Seregola la ha avanzata il sindaco Galli"

L'interrogazione consiliare di Fortunato Fortunati e Fabrizio Baleni

Il caso delle Terme di Cavo

Condividi
La zona di Cala Seregola (Google Maps)

I consiglieri comunali Fortunato Fortunati e Fabrizio Baleni intervengono oggi con un proprio documento - una interrogazione consiliare - nel dibattito a proposito delle Terme di Cavo.

Ecco il testo dell'interrogazione:

     Visto: il comunicato pubblicato sul sito web del Comune con il quale si afferma che la Regione Toscana indica Cala Seregola come sito per la realizzazione delle Terme di Cavo.
     Considerato:
1) la Regione Toscana non ha, come detto nel comunicato, il potere di indicare l'ubicazione dello stabilimento termale essendo tale competenza riservata unicamente al Comune nell'ambito delle pianificazioni urbanistiche peraltro in corso di elaborazione;
2) che la Regione Toscana può solo attraverso il PIT apporre vincoli come quello della distanza di trecento metri dal mare;
3) che l'ipotesi di Cala Seregola può essere stata avanzata solo dal Sindaco Galli, come da egli dichiarato per il cambio di destinazione d'uso dei volumi esistenti. Insieme all'ipotesi della loc. Le Paffe, a Cavo, notoriamente impraticabile in quanto posta entro il limite del vincolo del PIT.
     Preso atto: che da ciò consegue che in realtà il Sindaco non ha posto due ipotesi, ma una sola, quella di Cala Seregola, peraltro inidonea per i noti fenomeni di inquinamento segnalati da ARPAT e dal geologo consulente dell'Amministrazione.
     Rilevato: come si fatto comportamento non rispetti la ben nota e legittima aspirazione degli abitanti di Cavo che sono ben consapevoli del fatto che esistano altre possibilità di realizzare lo stabilimento delle acque termali nelle aree ubicate al di fuori del Vincolo di trecento metri fissato dal PIT.
     Tutto ciò premesso, i sottoscritti consiglieri Comunali, interrogano il Sindaco per sapere:
1) il motivo per il quale sia stato stilato un comunicato nel quale si attribuisce erroneamente alla Regione una competenza di pianificazione urbanistica appartenete al Comune;
2) quali siano le ragioni per le quali si escludono le concrete possibilità di ubicare lo stabilimento termale nella sede naturale di Cavo, fuori dalla zona vincolata dal PIT tenendo conto che a differenza di Cala Seregola il territorio di Cavo non rientra, almeno in parte , nella perimetrazione del PNAT;
3) quale sia l'effettiva intenzione dell'Amministrazione comunale sul tema in oggetto dal momento che nessun Atto amministrativo è stato mai prodotto con ciò venendo a mancare la corretta e dovuta trasparenza che di essi è prerogativa.

I Consiglieri
Fortunato Fortunati – Fabrizio Baleni
 

Indietro martedì 18 aprile 2017 @ 18:10 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus