Terme a Cavo, "Basta sudditanza è l'ora degli atti"

di Paola Mancuso

La risposta

Condividi
Paola Mancuso

Se quella del Sindaco Galli e' una campagna per la fusione dei due comuni riesi, credo che sia particolarmente efficace specie per la capacità di togliere ogni rimpianto in merito alla vicinanza ai propri cittadini ed alla capacità di rappresentare le loro istanze.
Questa ormai consolidata sudditanza alla regione, del resto, stona con i toni autoritari con cui elargisce lezioni di vita e di urbanistica a chi si azzarda a mettere in discussione il lucido operato dell' amministrazione che pare davvero convinta a passare dalla totale ignoranza della problematica alla fantascientifica soluzione di Cala Seregola.
Sotto l'aspetto urbanistico, sindaco, trovo davvero imprudenti le lezioni di urbanistica quando - giova ricordarlo- il regolamento urbanistico ignora tutt'oggi l'esistenza delle terme.
E'il momento di fare atti... Sono passati oltre sei mesi dalla scadenza del termine per le osservazioni...ed ancora tutto tace nell'incapacità di cogliere il senso di interventi moderati e costruttivi.
Credo, infatti, che un Sindaco dovrebbe ringraziare il cielo difronte ad un senso civico che sopravvive e lotta, senso civico di cui Gianni Ballini e' sicuramente il più disinteressato esempio.
 

Indietro martedì 18 aprile 2017 @ 22:25 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus