Il contributo di sbarco passa a 3.50 euro per persona

Dal 20 maggio il via all'aumento. Raffronti e prenotazioni positivi

Turismo

Condividi
Elba anche relax

Al via l’aumento del contributo di sbarco. Chi decide di venire all’Elba dal 20 maggio al 20 settembre prossimo pagherà, oltre al costo del biglietto, 3.50 euro di contributo di sbarco. L’aumento è stato deciso in maniera condivisa dagli otto sindaci isolani che hanno stabilito questa cifra per i quattro mesi di picco turistico, mentre il resto dell’anno il contributo resta di 1,50 euro a testa. Lo schema di aumento era già stato delineato alla fine dello scorso anno, poi sancito dopo l’approvazione dell’emendamento contenuto nel decreto Milleproroghe. L’anno quindi è stato diviso in un periodo di bassa stagione in cui l’ammontare del contributo di sbarco resta di 1.50 euro, quello già applicato dal 2015, e 4 mesi di alta stagione in cui l’ammontare viene più che raddoppiato e portato a 3 euro e 50 centesimi ( 2.50 per i bambino fino a 12 anni). Un aumento che parte dal 20 di maggio, quindi chi già settimane o mesi fa ha prenotato l’arrivo all’Elba per questa data si è visto applicare già 3 euro e 50 centesimo a testa in più sul biglietto. Ed arrivano già i primi raffronti con le prenotazioni degli anni precedenti, in particolare con il 2015 (visto che nel 2016 la riscossione del contributo di sbarco fu sospeso per più di un mese a partire dal 1 marzo) che sembrano molto positive, nonostante l’aumento del contributo. “Rispetto a due anni fa – spiega Ruggero Barbetti, sindaco di Capoliveri e coordinatore della GAT - dal 1 gennaio al 30 aprile di quest’anno sono aumentati dell’8,5% i biglietti prenotati per venire all’Isola d’Elba e questo è sicuramente un segnale positivo”. Il contributo è stato esteso anche ai passeggeri delle compagnie aeree e alle crociere che attraccano allo scalo portoferraiese, oltre alle minicrociere che fanno il tour dell’arcipelago. Il contributo sarà riscosso dalle compagnie marittime per chi arriva con i traghetti di linea. Sarà poi la Gestione Associata per il Turismo a fare cassa unica con un gettito complessivo, che per l’anno in corso è previsto per 2 milioni e 700 mila euro Di questi 190 mila euro sono destinati ai comuni elbani ad eccezione di Portoferraio che ne riceverà 300 mila. Un contributo aggiuntivo di 50 mila euro, inoltre sarà dato al comune di Capoliveri per le funzioni di capofila che svolge nella gestione Associata per al Promozione Turistica. Poco più di un milione di euro è destinato alla promozione turistica del territorio . Mentre in attesa delle elezioni amministrative, nei tre comuni elbani di Campo nell’Elba, Marciana Marina e Porto Azzurro, sono stati sospesi i progetti per le opere comprensoriali per cui è previsto dalla normativa l’utilizzo di una parte degli introiti del contributo di sbarco. Per ora verrà girato ai singoli comuni che li potranno investire secondo quanto stabilito dalla normativa.

 

Indietro venerdì 19 maggio 2017 @ 18:24 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus