“Cafiero ritira la squadra”. Il ricordo di Cafiero Ottanelli

di Gaetano D'auria

fatti elbani

Condividi
Gaetano D'auria e Giuliano Ottanelli

 In questa pagina vi riportiamo un ricordo tutto elbano. "Cafiero ritira la squadra". Un detto che molti di voi avranno sentito molte volte, magari anche detto nei confronti di un avversario in difficoltà.  In alcune manifestazioni sportive, ma non solo. Il detto è stato per esempio  mutuato per i fatti politici,  quando una compagine di governo barcolla ma non molla.  Ebbene Gaetano D'auria oggi ci ricorda chi era Cafiero, cosa fece e perchè è nata la famosa frase. D'auria ha conosciuto il figlio di Cafiero, Giuliano Ottanelli  e ci ha riportato quanto potete leggere. 

Giuliano Ottanelli sta di casa a pochi metri da casa mia a Rio Elba, alle Murelline, solo da qualche mese ho scoperto che è figlio del famoso Cafiero Ottanelli, grande terzino e poi allenatore negli anni 30 di una squadra di allievi di Capoliveri, quando si giocava al campo di Mola. Nel pieno del fascismo in una competizione all'isola d'Elba, Cafiero arrivò a sfidare la forte squadra di Portoferraio in casa dei Medicei, unico campo regolamentare e con una squadra fortissima che rifilava a tutti almeno 6/7 goals a partita. Quando le squadre scesero in campo parve a tutti che la differenza tecnica fosse enorme sia atletica che di età. Dalle tribune iniziò il coro "Cafiero ritira la squadra". Fu a quel punto che, si cambiò e scese in campo anche Cafiero, per paura di fare una figuraccia davanti ai tanti capoliveresi giunti con tre camion alla difficile trasferta. Si piazzò davanti al portiere e incitava i ragazzi a non mollare, li incoraggiava li spronava e, forse anche per questo, la partita finì solamente 2 a 1 per i portoferraiesi. Le squadre uscirono tra gli applausi del numerosissimo pubblico. Ancora oggi quella frase "Cafiero ritira la squadra" si usa in tutti i campi dell'isola e forse anche in continente , quando si vuole prendere in giro gli avversari che magari dopo pochi minuti perdono 2 o 3 a zero oppure quando è palese la differenza con l’avversario . 

 

Indietro domenica 16 luglio 2017 @ 10:00 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus