Sammuri: "Un'esperienza che porterò nel cuore"

Bilancio di fine mandato del presidente del Parco. I risultati dal 2012

Il video

Condividi
Giampiero Sammuri

“Cinque anni di lavoro svolto intensamente e con passione”. Con queste parole Giampiero Sammuri ha aperto la conferenza stampa di fine mandato da Presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. L’11 luglio infatti è scaduto il termine della sua presidenza con l’inizio dei 45 giorni di prorogatio che lo vedranno ancora alla guida dell’ente a meno che non arrivi prima la nomina del successore da parte del Ministero dell’Ambiente. “Una proposta del tutto inaspettata all’inizio – continua Sammuri - arrivata mentre mi trovavo all’isola del Giglio per la vicenda Concordia. E nonostante la mia esperienza pregressa mi si presentava una occasione importante e stimolante alla luce anche di tutti quegli aspetti e problemi legati all’insularità, che aumentano se pensiamo ad un arcipelago composto da sette isole ben distanti tra loro”. Sammuri ha ripercorso le tappe più significative del suo mandato tra progetti portati a termine e qualche piccolo rimpianto.

Nonostante qualche polemica finale sull’elezione del vicepresidente dell’ente Sammuri ha voluto sottolineare l’importanza del lavoro svolto insieme al consiglio direttivo da quando si è insediato (gennaio 2015). “Abbiamo fatto 35 sedute consiliari su 31 mesi – ha spiegato - con l’approvazione di 154 atti di cui il 95,5% all’unanimità e solo il 4,5% a maggioranza. Da parte dei consiglieri c’è sempre stato un atteggiamento costruttivo con l’obiettivo di trovare una soluzione comune”. Il presidente ha evidenziato poi anche gli ottimi rapporti con il territorio. “Mi sono trovato benissimo con gli amministratori locali – continua Sammuri - con i sindaci, con i rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni e anche con i singoli cittadini. Mi sono sentito come a casa”.

Sull’eventualità di una sua conferma alla presidenza dell’ente per i prossimi cinque anni Sammuri non si sbilancia. “La prima volta ho chiesto tre giorni di tempo prima di accettare. Se dovesse arrivare una telefonata dal Ministero stavolta me ne serviranno meno, ma dovrò valutare bene per farlo al massimo delle mie possibilità”.

In allegato il videoservizio di TeleElba con l'intervista a Giampiero Sammuri.

I risultati più importanti del mandato quinquennale di Giampiero Sammuri al PNAT (Luglio 2012 agosto 2017)

Elba
Restauro e apertura alle visite del Castello del Volterraio, con sistemazione e messa in sicurezza dei percorsi adiacenti
Animazione invernale Forte inglese con laboratori mostre e convegni in collaborazione con il Comune di Portoferraio
Apertura info park a Portoferraio nell’area di sbarco delle Navi per accoglienza e servizi al pubblico (apt sono sparite di fatto colmiamo questa carenza)
Acquisto e sistemazione dell’area dunale di Lacona, in via di completamento la sistemazione dei locali della ex “Essenza” a Lacona per la realizzazione di un Centro di educazione ambientale e inaugurazione dell’Info Park di Lacona
Telecamera sulla spiaggia di Marina di Campo per il monitoraggio nido tartaruga
Intervento per la riqualificazione della area umida di Mola, incarico per Servizi di architettura e ingegneria relativi all’intervento di recupero di un fabbricato in Loc. Mola nel Comune di Capoliveri.


Pianosa
Il 29 giugno 2013 a Pianosa è stato sottoscritto per la prima volta un importante accordo tra il Comune di Campo nell’Elba, il Parco e il Provveditorato Regionale dell’Amministrazione penitenziaria per la Toscana, per una collaborazione volta a promuovere la tutela e la valorizzazione di Pianosa e realizzare programmi trattamenti che vedono impegnate persone condannate in esecuzione di pena detentiva.
I lavoratori alle dipendenze dell’amministrazione penitenziaria sono stati coinvolti in attività di bonifica agraria, manutenzione del verde e dell’arredo urbano, orti, sistemazione di muretti a secco e piccola manutenzione impianti. L’accordo è stato rinnovato alle stesse condizioni per il 2016. Grazie al lavoro dei detenuti l’isola è stata ripulita e sono stati fatti lavori di sistemazione degli orti e della passerella del percorso che da Cala Giovanna conduce alla Villa di Agrippa.

È stata aperta dopo anni di chiusura la Casa del Parco di Pianosa con funzioni di accoglienza ai visitatori e mostre tematiche.

Si è aperta per la prima volta la possibilità di fare immersioni contingentate nel mare di Pianosa. Quasi 15.000 immersioni autorizzate nell’area di mare protetto intorno all’isola di Pianosa dal giorno dell’apertura della fruizione (17 luglio 2013) al 16 Ottobre 2016

Sull’isola di Pianosa, coperta da vincolo archeologico sin dal marzo del 2005, sono stati effettuati importanti scavi e sono emersi reperti interessanti dai risultati dalle nuove indagini geo archeologiche, finanziate dal Parco a partire dal 2013
Grazie a questi ritrovi è stato possibile allestire una Mostra inedita a Pianosa con resti di cervi di più di 40.000 anni fa e nella grotta vicino all'ingresso trovati materiali attribuiti all’età del Bronzo medio. Nel 2016 nel corso degli interventi di ripulitura delle aree archeologiche dell’isola finanziati dal Parco è emersa un’area di necropoli mai studiata e inedita nel nostro arcipelago per le sue caratteristiche. All’interno dell’area circolare sono stati trovati resti di epoca romana e di ossidiana risalenti all’epoca neolitica. E’ stato realizzato un percorso archeologico di visita ed è stata pubblicata anche la prima guida Geologica e Archeologica di Pianosa a cura di Lorella Alderighi e Luca Maria Foresi
Si sono avuti 2.378 visitatori ai percorsi archeologici e paleontologici aperti sull’isola di Pianosa nel 2016
Nel 2017 finanziamento per il recupero della Casa dell’Agronomo a Pianosa e una nuova organizzazione dei servizi per la fruizione di Pianosa

Montecristo
Acquisita la certificazione Montecristo Rat Free a seguito dell’eradicazione del ratto che ha permesso la riproduzione di oltre 700 coppie di Berta

Sistema fotovoltaico a Montecristo: il nuovo impianto a energia solare ed eolica 3.000 KW/h l’energia prodotta ogni anno 3.500 Kg di CO2 e 10 Kg di ossidi di azoto (NOx) le emissioni evitate, 1.900 litri di gasolio in meno consumato ogni anno grazie al nuovo impianto

Convenzione con i carabinieri forestali per la vigilanza dell’Isola di Montecristo (€ 50.000)

Capraia
Approvata la variante al Piano del Parco per la nuova zonazione a mare di Capraia
Il Laghetto di Capraia, unico specchio d’acqua dolce dell’Arcipelago (4.200m2), è stato salvato dall’interramento
convenzione tra Comune di Capraia Isola, Parco e Scuole Outdoor in rete per l’attuazione di campus didattici nel triennio 2016-2018 che coniughino gli aspetti di apprendimento dei temi della conservazione della biodiversità con esperienze pratiche e manuali relative alle azioni di tutela e di manutenzione del territorio
Convenzione con Capraia per iniziative di comunicazione della nuova zonazione a Mare (15.000)

Gorgona
Gorgona è stata riaperta alle visite regolari dei turisti grazie al protocollo d’intesa tra Parco, Carcere e Comune di Livorno siglato a marzo 2016


Giannutri
Dopo quindici lunghi anni nel 2015 è stata riaperta al pubblico la Villa Romana di Giannutri. Un intervento atteso da anni su un sito archeologico di grande interesse di proprietà demaniale e che per troppo tempo era rimasto in balìa di sé stesso.
Il parco ha finanziato l’operazione con il proprio bilancio (60.000) e ha avuto dal ministero dell’Ambiente un finanziamento (400.000)

14 ha dell'Isola di Giannutri preservati dall'invasione del Fico degli Ottentotti, una specie aliena originaria del Sudafrica
Posizionamento Boe Giannutri

Intero Arcipelago Toscano

• Parco la certificazione della Carta Europea del Turismo sostenibile (CETS), riconoscimento della capacità gestionale, sotto forma di conservazione delle risorse locali e collaborazione sinergica con i portatori di interesse nei comprensori protetti cerimonia del 7 dicembre 2016 scorso al Parlamento Europeo
• l’impianto di video sorveglianza su tutto l’Arcipelago Toscano 43 telecamere fisse e 4 mobili installate per un maggior controllo e un contrasto più efficace agli illeciti ambientali e di controllare i flussi turistici di alcune aree ad elevata criticità, attraverso delle postazioni di ripresa “fisse” e “mobili”. L’impianto si basa su una dorsale wireless di interconnessione tra le varie isole dell’Arcipelago
• La georeferenziazione e sistemazione dei sentieri, nuova carta dei sentieri e App da scaricare con aggiornamento automatico
• Accordo per utilizzo elicotteri della Corpo Forestale e convenzioni con Capitaneria, Vigili del fuoco e Guardia di Finanza per il rafforzamento della sorveglianza sulle isole
• Regolamento Marchio del Parco
• Prima bozza Regolamento del Parco avvio iter di approvazione
• Numerosi progetti di cofinanziamento con le scuole per la promozione della educazione ambientale e della conoscenza della biodiversità delle isole dell’arcipelago Toscano Oltre 4.500 studenti coinvolti in iniziative di educazione ambientale e progetti di turismo scolastico tra 2015 e 2016
• Proseguimento degli eventi di promozione della sentieristica attraverso Festival del camminare, ed eventi analoghi su tutte le isole dell’Arcipelago 1.840 partecipanti alle122 escursioni realizzate per il Festival del Camminare edizioni 2015 e 2016
• Progetto editoriale artistico con i Taccuini dell’Arcipelago Toscano segnalato a livello nazionale anche al salone del Libro di Torino
• Olimpiadi del Riciclaggio
• Alternanza scuola – lavoro
• Formazione delle Guide del Parco Nazionale Arcipelago Toscano 59 Guide Parco di cui 49 nuove Guide hanno ottenuto il titolo ufficiale di “Guida del Parco Nazionale Arcipelago Toscano ” Potenziamento delle visite guidate xxxxx giornate/guida affidate dal parco nel 2017
• Marine Strategy per il buono stato ambientale di mari italiani
• Investimenti per le Case del Parco di Marciana e Rio nell’Elba per 338.558 euro per progetti di allestimento e opere di manutenzione dell’edificio della Casa del Parco di Pianosa;
• Pubblicazioni del Parco 7 pubblicazioni sulle isole dell’Arcipelago nell’ambito del progetto Acquerelli d’Autore nel Parco
• Il Parco a Expo 2015: 61.604 visitatori allo stand del Parco nel Biodiversity Park a Expo 2015 e all’iniziativa di degustazione dei prodotti tipici, 28 giorni di presenza tra maggio e ottobre

• L’Orto dei Semplici sezione della Banca del Germoplasma Toscano 62 varietà frutticole antiche studiate e valorizzate nell’ambito del progetto di rilancio dell’Orto dei Semplici e avvio della Banca del Germoplasma Toscano

• Ecoalberghi e sviluppo dell’Ecoturismo L’Oscar dell’Ecoturismo 2016 è stato assegnato da Legambiente ad alcuni ecoalberghi dell’Arcipelago Toscano

• Numerose pubblicazioni divulgative e scientifiche e depliant informativi oltre al Company Profile del Parco e per la prima volta il Bilancio di sostenibilità dell’Ente 2013-2014 , aggiornato anche nel 2015-16
• Rinnovo sito web del Pnat

Progetti scientifici

Monitoraggio e contenimento degli ungulati 2.703 tra cinghiali e mufloni prelevati dal Parco, tra 2015 e 2016, per contenere i danni alla biodiversità, ai sentieri, al suolo e alle colture

Alla scoperta del genoma delle farfalle dell’Arcipelago Il PNAT è il primo Parco in Italia a mappare il genoma di alcune specie animali a scopo di conoscenza e tutela, per primo il progetto Barcoding delle farfalle

Azioni per favorire l’insediamento della popolazione di Falco Pescatore

Conclusione del Montecristo 2010 per eliminare alcune specie alloctone da due Isole dell'Arcipelago Toscano, Montecristo e Pianosa. Le isole, sottoposte a massimi livelli di tutela, sono state oggetto in passato di introduzioni di specie animali e vegetali che attualmente minacciano la fauna e la flora originale.

After Life Plan del progetto Montecristo 2010, operazioni di monitoraggio della ricrescita dell’Ailanto e del Senecio a Pianosa, con l’esecuzione delle attività ad opera del personale in stato di detenzione afferente all’Amministrazione Penitenziaria di Porto Azzurro

Progetto finanziato dalla Commissione Europea Progetto “Resto con Life” per la lotta alle specie aliene invasive

Cura dei castagneti da frutto elbani tramite la lotta biologica al Cinipide
3.035 galle di castagno analizzate per rilevare presenza e danno del Cinipide 150 innesti realizzati in località S. Cerbone con una percentuale di attecchimento del 90%


75% il successo riproduttivo della Berta maggiore nel 2016 presso l’isolotto della Scola
4 specie di uccelli marini protetti monitorati nel periodo di riproduzione: Berta minore, Berta maggiore, Marangone dal ciuffo e Gabbiano corso

In corso la riqualificazione di 15 Habitat dell’Arcipelago e la tutela di 6 specie animali con il progetto Resto con Life
118 in media le coppie di Gabbiano corso in riproduzione nell'Arcipelago Toscano
Ricerca e monitoraggio di specie e habitat e prosecuzione numerosi progetti per la tutela della biodiversita

Nell'ambito dei monitoraggi dell'avifauna sono state effettuati: una campagna per il rilievo di aree di nidificazione del Biancone all’Isola d’Elba, un campo sulla migrazione autunnale dei rapaci all’Isola d’Elba; è proseguito lo studio degli uccelli marini su tutte le Isole dell’Arcipelago Toscano, con il monitoraggio video nel periodo di riproduzione di alcune coppie di berta maggiore a Pianosa e di berta minore a Montecristo, con il monitoraggio delle colonie di gabbiano corso a Pianosa e al Giglio, la messa in atto di misure di tutele delle aree di nidificazione, la definizione delle aree di alimentazione del gabbiano corso, la redazione di report e l’organizzazione di seminari formativi.

E’ stata avviata una ricerca sulla dieta del barbagianni a Pianosa per vedere gli effetti della eradicazione del ratto sulle popolazioni di micro mammiferi, ed uno studio sulla presenza della formica argentina al Giglio e Giannutri; sono stati avviati 2 nuovi progetti di sistema per la conservazione dei chirotteri e dei passeriformi delle aree agricole insieme ad altre aree protette

Dal 2017 il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano è partner di due progetti triennali di cooperazione transfrontaliera Isos e Girepam progetti di cooperazione internazionale per la gestione integrata delle piccole isole

Accordi e convenzioni

Il Parco collabora in modo continuativo con le associazioni di volontariato e le associazioni di Protezione Civile del territorio. L’Ente opera costantemente per consolidare le relazioni con le Amministrazioni Locali, le Istituzioni e le Associazioni attive sul territorio.
In particolare nel 2015 e nel 2016 si segnalano:

• il rinnovo per il 2016 dell’accordo sottoscritto con l’Amministrazione Penitenziaria e il Comune di Campo nell’Elba per forme di collaborazione che prevedono l’impiego di detenuti nell’isola di Pianosa
• la convenzione tra PNAT, Università di Firenze (DISPAA) e Casa di Reclusione di Porto Azzurro per ricerche e collaborazioni finalizzate alla valutazione delle varietà di orticole più idonee alla coltivazione sull'isola di Pianosa
• la collaborazione con la Banca di Credito Cooperativo dell’Elba, e l’avvio di un Bando di concorso annuale per l’assegnazione di 2 premi di ricerca, per contribuire all’approfondimento delle conoscenze e delle ricerche scientifiche inerenti la biodiversità e la pianificazione dello sviluppo sostenibile nel territorio protetto del Parco Nazionale Arcipelago Toscano premiati sei ragazzi
• l’accordo con il Comune di Rio nell’Elba per la gestione dell’Orto dei Semplici
• l’accordo con Associazione Diving Elbani per la promozione della fruizione subacquea del mare a Pianosa e per l’evento con le scuole dell’Elba “Marepulito”
• l’approvazione della convenzione quadro tra PNAT, Conservatoire du Littoral e ISPRA per l’Atlante della Biodiversità delle Piccole Isole del Mediterraneo
• l’accordo per l’Antincendio Boschivo dell’Arcipelago Toscano
• la prosecuzione della collaborazione con la Soprintendenza Archeologica Toscana per la realizzazione di mostre e la fruizione dei siti archeologici di Pianosa e Giannutri, in concomitanza con la riapertura della Villa Romana a Giannutri (luglio 2015) e delle nuove scoperte archeologiche a Pianosa (aprile 2016)
• la convenzione con il CAI Regione Toscana per la segnaletica sulla sentieristica
• la collaborazione con Legambiente Nazionale per la gestione dell’area dunale di Lacona (Capoliveri) e del Santuario delle farfalle (Marciana)
• il protocollo tra Parco e USL per l’iniziativa educativa "Guadagnare salute nel Parco", un accordo di collaborazione tra Azienda USL Toscana Nord Ovest e l’Ente Parco Nazionale Arcipelago Toscano, orientato a migliorare le abitudini e la qualità della vita dei giovani all’Isola d’Elba e di Capraia e più in generale della popolazione residente, attraverso il coinvolgimento degli Istituti Scolastici in percorsi interdisciplinari di promozione di stili di vita salutari
• gli accordi con i dirigenti scolastici delle scuole superiori del territorio del Parco per i percorsi di Alternanza Scuola - Lavoro
• la convenzione per collegare la rete cicloviaria dalla Germania alla Toscana e all'Elba, estendendo la via litoranea tirrenica all’interno dell’isola.

 

Indietro giovedì 3 agosto 2017 @ 18:52 © Riproduzione riservata

Video allegato: Sammuri:'' Un'esperienza che porterò sempre nel cuore''

Bilancio di fine mandato per il presidente del Parco. ''Un rimpianto? Non aver terminato il recupero di Mola''

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus