Pronto Soccorso: "Signora dimessa con diagnosi certa"

La risposta dell'azienda alla lettera di protesta dei familiari. Le precisazioni

Portoferraio

Condividi

 In merito al caso della signora di 87 anni che nei giorni scorsi è ricorsa al Pronto Soccorso dell’ospedale di Portoferraio l’Azienda USL Toscana nord ovest tiene a precisare oggi con un proprio comunicatocome "non sia corretto riportare che la signora è stata rimandata a casa lasciando intendere in questo modo una incompiutezza del percorso. La signora è stata dimessa con diagnosi certa, riportata peraltro nel referto della notte, eseguita al termine di un percorso diagnostico-terapeutico tempestivo ed accurato.

L’invito a tornare il giorno successivo, nonostante la diagnosi già formulata - precisa ancora l'ASL -  è stato esclusivamente dovuto ad uno scrupolo meritorio da parte del medico in considerazione dell’età della signora. La mattina seguente la stessa, in dodici minuti, è stata nuovamente visitata con conferma della diagnosi già effettuata.

Risulta inoltre fuorviante parlare di “ore di attesa” riferendosi all’intervallo di permanenza in un pronto soccorso. Questo tempo è da considerarsi funzionale all’esecuzione degli esami e degli accertamenti necessari al paziente e all’avvio delle terapie del caso. Nel caso specifico la signora ha effettuato esami ematochimici di base, esami della coaugulazione (ndp) e una radiografia ovvero tutto quello che è previsto dalle linee guida internazionali in casi analoghi.

È inoltre opportuno ricordare che durante la permanenza della signora il personale ha gestito e trattato altri 18 casi fra i quali uno di codice rosso ovvero di pericolo immediato di vita. Questo grazie anche al potenziamento estivo del personale infermieristico e alla capacità dell’unico, come previsto per i pronto soccorso con lo stesso carico di lavoro, medico in servizio di notte.

La direzione ospedaliera, dispiaciuta per l’evidente fraintendimento nella comunicazione con la paziente - conclude la nota dell'ASL -  resta a disposizione per incontri che possano portare ad ulteriori approfondimenti e chiarificazioni sulla vicenda".
 

Indietro venerdì 4 agosto 2017 @ 15:54 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus