Per i cinghiali DOC un mattatoio a Forte San Giacomo

di Nunzio Marotti *

L'intervento

Condividi

Leggo sulla stampa l'intervento di Sergio Bicecci sul tema "cinghiali". Si chiede se non sia possibile considerare la loro diffusa presenza come una ricchezza piuttosto che una disgrazia. E propone la creazione all'Elba di una catena di lavorazione e commercializzazione della carne di cinghiale.
Questo argomento mi sembra interessante. I vantaggi, peraltro evidenziati da Bicecci, sono innegabili. Ne aggiungo uno all'elenco. Da qualche tempo la stampa ha annunciato l'esistenza di un progetto, proposto dalla Casa di Reclusione di Porto Azzurro, di allestimento di un mattatoio nella struttura carceraria. Il tutto nell'ottica dell'impiego di detenuti all'interno dei percorsi rieducativi finalizzati all'inserimento sociale. Un progetto che in qualche modo già vede l'interesse di realtà imprenditoriali del territorio elbano. Un progetto che sicuramente potrebbe incontrarsi con le varie esigenze (economiche, promozionali, di tutela) manifestate anche da Bicecci.

Nunzio Marotti

*Garante per i diritti dei Detenuti del Carcere di Porto Azzurro

Indietro lunedì 7 agosto 2017 @ 16:11 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus