Daveti:"Censimento ed interventi mirati sono priorità"

Vertice in viceprefettura sul rischio idrogeologico con i sindaci e autorità

Il video

Condividi
Il vertice in Viceprefettura

Provvedere ad un nuovo censimento delle zone più a rischio di ogni comune in modo tale da predisporre interventi mirati di manutenzione e informare direttamente i cittadini in caso di allerta. Questa è la priorità emersa dal vertice in Vice Prefettura sul rischio idrogeologico all’Elba che si è svolto nella mattina di martedì 12 settembre. All’incontro hanno partecipato sindaci e amministratori, il Parco, le forze dell’ordine, rappresentanti della protezione civile, il Consorzio di Bonifica Toscana Costa ed Esa. Un vertice quanto mai attuale dopo l’alluvione di Livorno, che era già stato programmato in seguito ad alcuni sopralluoghi e verifiche all’isola da parte del Comando Forestale dei Carabinieri. Le criticità più impegnative riguardano canali e fossi che in questi anni sono stati modificati nel loro tracciato, altri sono stati tombati e al momento si presentano in cattivo stato di manutenzione. In alcuni casi addirittura ci sono stati realizzati depositi di cantieri edili . “Tutte situazioni che devono essere eliminate – ha spiegato il viceprefetto Giovanni Daveti - i sindaci dovranno prevedere una serie di interventi e, coadiuvati dal Consorzio Di Bonifica Toscana Costa e da Esa, dovranno fare un esame complessivo del territorio”. Ci sono anche criticità strutturali, frutto di una gestione del territorio che il colonnello dei carabinieri forestali Marco Pezzotta definisce “malaccorta”. “Ci sono poi - continua - problemi di ordinaria e straordinaria manutenzione delle linee d’acqua su cui bisogna lavorare anche se bisogna fare i conti con la mancanza di fondi, di operai e di attrezzature. Però qualcosa si può e si deve fare. E il Consorzio di Bonifica è al lavoro insieme ai sindaci, in primis sui corsi d’acqua che scorrono all’interno dei centri urbani o che hanno attraversamenti o tombamenti. “Chiaramente – ha spiegato Roberto Pandolfi, del Consorzio di Bonifica - in queste zone abbiamo già predisposto un piano di attività che prevede due interventi l’anno, uno in primavera e uno in tarda estate - inizio autunno “. In questo momento stanno eseguendo i secondi tagli a monte e dentro i centri urbani. Pronto ad impegnarsi per attenuare questi fenomeni che “vanno oltre gli standard previsti fino ad ora”anche il sindaco di Portoferraio, Mario Ferrari che punta ad interventi comprensoriali.  

Per vedere il video con le interviste ai partecipanti al vertice clicca qui

Indietro martedì 12 settembre 2017 @ 23:36 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus