Rossi: "Serve un intervento eccezionale dello Stato"

Per il Presidente della Regione Toscana, la situazione è drammatica

Alluvione Livorno

Condividi

 "Bisogna che lo Stato intervenga in via eccezionale anche qui, a Livorno, perché con provvedimenti ordinari non ne usciamo. Ne servono di straordinari". Sono queste le prime richieste che il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha portato al tavolo convocato in prefettura a Livorno al quale, oltre a prefetto, questore, sindaci di Livorno, Rosignano e Collesalvetti e altre autorità, ha partecipato il responsabile della Protezione civile nazionale, Angelo Borrelli. A lui si è rivolto il presidente Rossi, chiedendo per l'area livornese un trattamento analogo a quello a suo tempo riservato al Veneto colpito nel 2010 dall'alluvione e all'Emilia Romagna colpita nel 2012 dal terremoto. Al primo andarono 300 milioni di euro e 500 alla seconda.

"Occorre renderci conto - ha precisato Enrico Rossi - che qui la situazione
é ancora peggiore, perché é piovuto sul bagnato di una situazione
sociale resa esplosiva dalla crisi economica. E noi non ci dichiareremo
contenti finché non farete come avete fatto per Emilia e Veneto. Anzi,
siamo pronti a portare la Toscana sotto Palazzo Chigi e sotto il
Parlamento".

Il presidente, che nel primo pomeriggio si era recato nelle zone più
colpite dalla forza dell'acqua, era rimasto impressionato dai danni e ha
ripetuto che "le famiglie non devono assolutamente essere lasciate sole a
riparare i danni subiti", e non possiamo dire a loro e agli imprenditori
che "per legge avranno, bene che vada, diritto ad avere al massimo il
rimborso del 25 per cento dei danni subiti documentabili". Così ha chiesto
a Borrelli di avere un primo stanziamento nazionale per gli interventi in
somma urgenza così da "stornare i 3 milioni di euro messi a disposizione
dalla Regione per destinarli ad aiutare chi é rimasto senza nulla, invece
che alle opere urgenti". Rossi ha poi preso accordi con i tre sindaci
presenti per una riunione a tempi brevi per stilare un primo bilancio dei
danni ed un elenco delle opere ritenute più urgenti.

Borrelli, dal canto suo, si è impegnato a rappresentare al Governo la
drammaticità della situazione labronica insieme alle richieste delle
istituzioni locali.

Indietro martedì 12 settembre 2017 @ 09:27 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus