Festa dell'Uva, è la Fortezza a vincere l'edizione 2017

Il Bacco assegnato al rione azzurro che ha ricordato il paese degli anni 70

Capoliveri

Condividi
La Fortezza vince l'edizione 2017 della festa

Ha vinto la Fortezza. L'edizione numero XXII della Festa dell'Uva ha visto assegnare il Bacco al Rione colore azzurro. Ha vinto il ricordo, ancora vivo nella memoria della gente, della Capoliveri degli anni '70, di anni spensierati in cui si festeggiava per oltre sette giorni consecutivi il Ferragosto e fu installata la storica fontana nella piazza Capoliverese.  Ha vinto La Fortezza sfidando la Capoliveri degli anni '50 quando inizio' l'emigrazione verso gli Stati Uniti e tante famiglie vissero la tragedia della separazione (Baluardo), ma anche sfidando la Capoliveri del 1948, anno di nascita della Costituzione e di una Capoliveri che si stava reinventando attraverso l'arrivo di una nuova epoca e di nuovi mestieri (Torre) ed ancora competendo contro la Capoliveri antica del 1500, con la rievocazione storica dell'epoca degli Appiani e delle alterne vicende legate alle incursioni piratesche del temuto Barbarossa (Fosso). 

L'edizione 2017 della Festa dell'Uva e' stata come sempre una grandissima edizione, un'incredibile manifestazione che ha visto sfidarsi con entusiasmo i quattro rioni in una gara avvincente fatta di storia, ricordi, emozioni di un passato recente e assai lontano attraverso le rievocazioni sempre fedelissime e originali al tempo stesso, in cui tutti i figuranti e le loro squadre hanno dato il meglio per una tre giorni di spettacolo e tradizione.

Uno spettacolo unico che ha richiamato migliaia di visitatori e che non ha deluso le aspettative. Un grande lavoro di tutti perché è' stata la sfida di "quattro rioni per un unico amore". E come sempre ha vinto Capoliveri! 

Indietro domenica 8 ottobre 2017 @ 22:50 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus