"Malafede del comitato sul dissalatore, revoco l'incontro"

di Ruggero Barbetti

Condividi
La zona del piano di Mola

Ruggero Barbetti ritira la sua proposta di un incontro pubblico sul dissalatore. Lo fa dopo aver letto le dichiarazioni del comitato per il no e le affermazioni di Papi e Ferrari  che parlano di una gestione  improntata all'approssimazione, che il sindaco di Capoliveri non accetta: "Un ulteriore convocazione di un nuovo incontro per il 25 ottobre (si lavorava a quella data) per spiegare ancora una volta i contenuti del progetto del dissalatore a chi finora non se ne è interessato, mi sembrava una gentile concessione istituzionale nei confronti dei cittadini che si interessano del progetto. Leggere però in un comunicato del Comitato che "aver intenzione di convocare un nuovo incontro, sommato alle posizioni dei Sindaci Papi e Ferrari, dimostra che la gestione di questa vicenda è stata caratterizzata quanto meno da un’approssimazione intollerabile vista l’importanza e gli impatti dell’intervento" allora non posso che prendere atto della vostra malafede e comunico che chiaramente non ho alcuna intenzione di convocare un bel nulla. Riguardo alla posizione dei due Sindaci, ognuno risponde alla propria coscienza e alle proprie convinzioni. Papi è appena arrivato e del dissalatore non ne sa nulla, anche se l'amministrazione precedente non aveva mai espresso contrarietà al progetto, contrarietà mai espressa nel merito anche da Ferrari sia nella riunione di Piombino che in Consulta dei Sindaci della GAT quando si è parlato della possibilità di finanziare in parte l'opera con il Contributo di sbarco. La storia ci dirà chi tra i sindaci elbani aveva una visione di sviluppo futuro e chi invece guardava all'oggi. Ancora una volta il Pollaio va in scena e fa bella mostra di se. Povera Elba.

 

Indietro lunedì 9 ottobre 2017 @ 17:13 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus