Sei cagnolini maltrattati a Terni vivranno all'Elba

Tre amiche elbane visto il post sui social ne hanno fatto richiesta

Il fatto

Condividi
foto repertorio

Erano stati trovati abbandonati lo scorso agosto nelle campagne di Montefranco, in provincia di Terni,  ora, grazie all'interessamento in prima persona del sindaco del Comune della Valnerina ternana, avranno una nuova famiglia in Toscana: protagonisti della vicenda a lieto fine sono sei cagnolini, vittime di presunti maltrattamenti, affidati a tre persone residenti all'Isola d'Elba. A darne notizia è Quotidiano.net nella sezione "animali". È stato lo stesso sindaco Rachele Taccalozzi a consegnare loro i cuccioli. «La legge regionale umbra - spiega infatti - prevede che debba esserci passaggio diretto tra ente proprietario e adottante, per cui io stessa ho trasportato ieri i sei cuccioli fino a Livorno, dove c'è stata la consegna alle nuove proprietarie e la speranza di una nuova vita per i cani. Per il Comune - aggiunge poi il sindaco a Quotidiano.net- è una grande soddisfazione poiché oltre a garantire una famiglia e una vita dignitosa e felice a questi sfortunati animali, risparmierà ben diecimila euro ogni anno destinati al loro mantenimento se fossero rimasti nel canile». Al momento del ritrovamento, secondo quanto riferisce il sindaco, al giornale, gli animali presentavano chiari segni di denutrizione e maltrattamento, essendo anche ricoperti di piaghe. Era stata sporta denuncia per abbandono, mentre i cuccioli erano stati portati al canile sanitario dell'Asl e successivamente al canile-rifugio di San Gemini, convenzionato con il Comune di Montefranco. La notizia dell'abbandono era stata pubblicata sui social network, dove tre amiche dell'Elba hanno visto i post e deciso di farsi avanti per l'adozione. Ieri, l'epilogo. 

 

 

Indietro giovedì 12 ottobre 2017 @ 17:59 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus