"A proposito di tagli di nastro degli ex sindaci delle due Rio"

di Comitato No alla fusione

l'intervento

Condividi
Panoramica Rio nell'Elba

"Ancora il Consiglio Regionale, non ha deciso per la fusione e già si stanno facendo le "celebrazioni" o si disegnano e progettano stemmi e gonfaloni: tutto ciò la dice lunga sul rispetto che questi personaggi, sostenitori a vario titolo e ruolo del Si alla fusione delle due Rio, hanno delle procedure democratiche ed anche per coloro che non hanno condiviso tale scelta o per chi ha dimostrato indifferenza per essa. Purtroppo il livello è questo ed oltre alla fusione per "plebiscito minoritario" si preannunciano le carature politico culturali di questa " nuova classe dirigente" che guiderà il nuovo Comune unico. Sono e saranno sempre gli stessi e non sarà facile liberarsene. Tra la farsa ed il burlesco, in salsa folcloristica, questi apprendisti stregoni si avventurano a cercare di riconciliare quello che hanno diviso e contrapposto. Crediamo che questo referendum abbia lacerato le due comunità e sia vissuto come un atto d'imperio che non sappiamo quanto tempo ci vorrà perché possa essere riassorbito. Non basteranno ne tagli di nastro, ne comitati unitari, o la gara dei disegnetti di stemmi e gonfaloni a costruire una unità e una nuova classe dirigente. Noi aspettiamo ciò che deciderà il Consiglio Regionale, unico organo preposto a questa decisione. Pur sapendo che il PD, attuale detentore della maggioranza e Forza Italia, attualmente all'opposizione, si sono dichiarate favorevoli, noi auspichiamo che non sia una semplice ratifica, una pura e semplice registrazione notarile, decidere la fusione. Noi auspichiamo che la politica, quella seria, quella non populista o demagogica, faccia il suo "mestiere", discutendo quale ruolo e funzione abbiano i piccoli comuni toscani, delle zone montane e insulari, dei territori periferici e le rispettive piccole comunità, nel definire una democrazia dal basso, rispettosa dell'autonomia amministrativa e territoriale e del principio di prossimità ai cittadini, dei luoghi istituzionali di decisione. Per questo auspichiamo che le varie forze in esso rappresentate valutino attentamente e responsabilmente cosa decidere, alla luce anche della stessa Legge Nazionale sulla difesa dei Piccoli Comuni ed anche sulla limitatezza che offre una consultazione referendaria, peraltro poco partecipata e con un consenso limitato, su decisioni di questo tipo".
 

Indietro giovedì 9 novembre 2017 @ 17:35 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus