"L'Elbano d'oro", piace l'idea della moneta di Lanera

Il sindaco Ferrari: “Proposta apprezzabile”. Nocentini: “Ottima iniziativa”

Il video e i commenti

Condividi
L'Elbano d'Oro

L’idea dell’ “Elbano d’oro”, la nuova moneta di cinque grammi coniata da Luigi Lanera, fa discutere ma riscuote anche molti pareri favorevoli. Come quello del sindaco di Portoferraio che, pur ricordando che non è il primo ad avere avuto questa idea, riconosce alcuni tratti innovativi al progetto di Lanera. “L’idea di per sé è apprezzabile e faccio i complimenti a Luigi per questa sua idea, anche se non arriva primo – è stato il commento di Mario Ferrari - Negli anni passati l’Elba è stata caratterizzata da diverse esperienze di questo tipo. Una che forse è ricordata dalla maggior parte delle persone è quella dei marenghi d’argento che uscirono nelle più note località turistiche, come moneta simbolica e che ebbe un certo riscontro e successo”. In occasione del bicentenario della nascita di Napoleone invece furono coniate alcune monete che ebbero un successo enorme ma a livello collezionistico numismatico: il “Napoleone Sovrano dell’Elba”, un marengo di cinque grammi che fu disegnato da Bruno Galoppi per la Unoaerre e che dall’azienda orafa fu commercializzata. La moneta fu realizzata in argento, in argento dorato e in oro “ed è quello – precisa il sindaco - che si avvicina di più all’Elbano di Luigi Lanera. E’ una moneta che non ha avuto corso legale ma che fu oggetto di interesse di collezionisti e che qualcuno avrà ancora in qualche cassetto. La novità dell’idea di Luigi Lanera – continua - riguarda un suo pseudo utilizzo legale. Io in merito a questa possibilità non posso dire nulla perché è un settore di cui non ho la conoscenza delle normativa, ma a livello di pubblicità è stata un’idea notevole. L’importante è che ci sia sempre qualche momento di attenzione che accenda le luci sull’isola d’Elba”. E il sindaco rilancia con una nuova proposta, in vista del cinque centenario della nascita di Cosimo De medici, pensando all’ “Elbano d’oro” come ad un’idea da estendere per l’unita dell’Elba. “E’ positivo il fatto - rimarca il primo cittadino portoferraiese - di considerarlo come unificatore, al di là di cosa poi ne verrà fatto e come troverà sviluppo. E perché non allargare questo panorama agli scudi d’argento che siano rappresentativi di ogni municipalità elbana?” Il suggerimento quindi è quello di coniare uno scudo di Cosimo d’argento “oppure - ipotizza- lo scudo degli Appiani per Marciana e così via per gli altri comuni in modo da esaltare la municipalità ma rimanendo uniti sotto la figura de l’Elbano. Potrebbe essere un discorso interessante a livello di proposta numismatica per collezionisti - termina - e per condividere questo con i turisti facendone loro omaggio per la loro venuta all’Elba”. Un’idea che piace molto anche a Tiziano Nocentini, manager del gruppo Nocentini. “E’ un’ottima iniziativa – commenta - ci vorrà tempo, ma è un modo per creare una moneta dell’Elba che può girare nel circuito. E’ importante che essendo una moneta che ha un valore in oro, è anche un modo per accumulare un valore che nel tempo non può far altro che crescere perché l’oro in questi ultimi anni è sempre cresciuto. Credo che sia un’iniziativa intelligente”. Secondo Nocentini però c’è ancora da lavorare e capire in quale modo può essere inserita nel tessuto dell’Isola d’Elba anche a livello commerciale, “ma essendo l’Elba un territorio ristretto – termina - è un’iniziativa ottima. Va gestita bene e va studiata ma credo che per il futuro dell’Elba e degli elbani possa rappresentare un sistema di risparmio”. Guarda il video 

Indietro martedì 28 novembre 2017 @ 17:35 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus