Reggia di Caserta, "Ipocrisia, i monumenti vanno utilizzati"

di Paolo Patretti

L'intervento

Condividi
La Reggia a Caserta

Scandalo. Sono state affittate 2 sale non in uso della Reggia di Caserta per un ricevimento nuziale. Scandalo nel fare addobbi lungo lo scalone della loggia un addetto è montato a cavalcioni di un leone marmoreo. Scandalo, 30.000 euro di affitto! si mercifica la cultura. Da giorni sulla stampa nazionale si susseguono articoli, ora è apparso anche un prezziario per l'uso diverso di alcuni beni culturali, usi compatibili ovviamente, ma diversi da quelli alti della CULTURA. Così non manca l'intervento del fiorentino prof. Montanari, indubbiamente colto, indubbiamente protetto dalla sua cattedra e dal suo stipendio di prof universitario, che grida contro la mercificazione e la folle valorizzazione dei beni perseguita dal ministro Franceschini. Il prof di estrema sinistra garantito dalla stipendio dello stato non ci sta: siete incolti e pericolosi, questo è mercimonio e non protezione del nostro patrimonio! Vero, c'è del mercato, ma siamo in una economia di mercato dove si deve necessariamente contemperare esigenze. Vero c'è del mercato, ma abbiamo le risorse per tutelare tutti questi beni? Se tutti i musei d'italia hanno incassato 200 milioni di euro nel 2017, un successone, questi bastano forse a pagare gli stipendi dei dipendenti del MIBACT e allora che facciamo? Facciamo come tempo fa, mettiamo fiori nei nostri cannoni? e poi? Non sono per la mercificazione, ma neppure per l'assoluto empasse, per questo domando ai tutori, alle anime belle che però non ci dicono mai come fare per esercitare la tutela per restaurare:

1. Posso celebrare un matrimonio nel teatrino di Villa Mulini?

2. Posso tenere il party nella galleria Demidoff?

3. Posso celebrare alla Villa delle Grotte e tenerci anche un aperitivo?

Ovviamente tutto dietro pagamento?

Oppure ci teniamo tutto così, quasi inutilizzato, in naturale degrado, perchè questi sono monumenti? No signori, lo dico chiaro, non ci sto, siete ipocriti. troviamo e poniamo le condizioni indispensabili per garantire utilizzazioni possibili in sicurezza, ma smettiamo di fare l'anime belle! Sia chiaro vale anche per le questioni ambientali prof. Montanari e compagnia.

Paolo Patretti 

Indietro giovedì 11 gennaio 2018 @ 08:31 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus