Il ruolo di Ruggero Barbetti nelle elezioni riesi

di Giovanni Muti

Rio

Condividi
Giovanni Muti

Avvicinandosi la data quando i riesi dovranno decidere chi dovrà essere il sindaco che inizierà una nuova fase storica, io come riese, nato al buchino, sento risvegliarsi in me un antico sentimento che mi lega al paese dove sono nato e dove correvo come “monello” scalzo nei vecchi vicoli; e Rio marina e Cavo dove passavo l’estate al mare vivendo gli anni più belli della mia giovinezza. 

Un sentimento di appartenenza molto forte che nei riesi si fonde con una fierezza primitiva che nasce dalla loro storia e che si ritrova spesso nello sguardo ombroso di chi vede in una vela all’orizzonte una possibile azione pirata

Per questo ho trovato gli interventi di Ruggero Barbetti su chi deve fare il sindaco a Rio fuori luogo. Pur riconoscendo una naturale affinità tra riesi e capoliveresi e riconoscendo anche l’aiuto che Barbetti ha dato all’ultimo sindaco di Rio De Santi, rimane il fatto incontestabile: il sindaco se lo devono scegliere i riesi.
E’ già successo nell’ultima campagna elettorale di Portoferraio. Barbetti intervenne provocando polemiche piuttosto aspre. Questo può nascere da un suo istinto innato , ma potrebbe anche essere il suo modo di reagire agli agguati di un destino ingeneroso che, insieme a personaggi politici noti, ultimamente, gli ha creato problemi drammatici. Pur riconoscendo umanamente tutto questo, rimane il fatto che adesso le cose, purtroppo, sono molto cambiate e sono più confuse. Ruggero Barbetti chi e cosa rappresenta? Che titolo ha per fare tutto questo? Ha chiuso la porta in faccia a Forza Italia andandosene in malo modo, se vogliamo anche con qualche ragione, ma adesso non la rappresenta più,anzi...Dice di essere passato alla Lega, ma i ben informati sanno che, a livelli più alti , la sua adesione non sarebbe molto gradita.

Dunque, prima di intromettersi nella terra di Rio la prudenza lo avrebbe consigliato di interpellare i due ex Sindaci che sono esponenti di spicco del CDX. Non averlo fatto è una mossa fin troppo azzardata.

Alla fine, per questo atteggiamento, rischia di farne le spese il dott. CORSINI che lui propone, con il piglio del condottiero, dicendo di parlare a nome di tutto il CDX. Ovviamente le reazioni di Bosi e De Santi non si sono fatte attendere.


Quella di Bosi è stata al fulmicotone. Lui, giustamente, sostiene CANOVARO perché ha lunga esperienza Amministrativa, ma anche perché, nella delicata fase costituente del nuovo Comune, è opportuno che il Sindaco che verrà sia un riese "doc". E anche De Santi la pensa così. Ecco che Barbetti, preoccupato per la mossa azzardata, comincia a parlare di lista civica e cerca, come suo solito, aiuti a sinistra. E pensare che non gli andava bene Canovaro tacciato di essere stato , un tempo, un po' di sinistra !!.


Resta adesso un interrogativo serio: che ne pensa di tutto questo Marco Landi che della Lega è responsabile elbano? Perché tace?
Non sarà che Barbetti sia riuscito a farlo compromettere? Anche lui accetta l'appoggio del PD è di LEU? Insomma questi misteri,anche per rispetto dell'elettorato, debbono essere presto chiariti. Ci aspettiamo da Landi una parola chiara se non vuol correre il rischio di essere tacciato per barbettiano.
 

Indietro domenica 15 aprile 2018 @ 21:26 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus