Il punteruolo rosso arriva anche a San Vincenzo

Le novanta palme della cittadina turistica sono in pericolo

Cronaca

Condividi

Si ripresenta di nuovo in questo periodo il problema dell'insetto devastatore delle palme cittadine, ovvero il punterolo rossoE' successo anche a San Vincenzo dove le 90 palme sono ormai minacciate da questo piccolo animaletto che provoca però la lenta e sicura morte della pianta.

Per ora sono sei le palme non più recuperabili, ma se non si riesce ad intervenire in breve tempo il numero potrebbe senza dubbio aumentare. Un vero e proprio parassita per questa specie di flora che riduce i viali cittadini così piacevolmente adornati, una desolazione dove il marrone della vegetazione ormai secca fa da padrone. E' dunque un fenomeno comune sul litorale toscano già casi evidenti si erano verificati a nord verso Rosignano e a sud verso Piombino, ora purtroppo anche la cittadina di San Vincenzo è stata colpita. Le difficoltà di intervento sono molte tra le quali gli ingenti costi sia per l'abbattimento di ogni singola pianta sia per iniziare il processo di trattamenti fitosanitari. La seconda soluzione è quella che il comune intende intraprendere affrontando una spesa di circa 8,500 euro che interesserà appunto 90 piante, affidando l'intervento ad una ditta specializzata di Capannori.

L'intervento di Maurizio Marchetti. E su questo è intervenuto anche il capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, Maurizio Marchetti. Dopo aver ricordare i casi già avvenuti in Versilia, lungo il litorale toscano e nell'Arcipelago, ha chiesto un intervento urgente da parte della Regione. “La Regione Toscana ha un suo piano di contrasto in capo al sistema fitosanitario regionale. Ebbene – allerta Marchetti – bisogna che lo attivi immediatamente ogni volta che si registra un caso, onde evitare possibili espansioni d’areale dei coleotteri. Contenere ed eradicare subito, bisogna. Il fattore tempo è determinante. Il punteruolo non aspetta, e senza le azioni concrete a poco serve la nuova modulistica approntata l’anno scorso dalla Regione. Servono fatti, non altra carta».

Barbara Noferi

Indietro venerdì 11 maggio 2018 @ 17:00 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus