Nuovi ambiti territoriali per il turismo enogastronomico

Un incontro a Firenze per parlare delle opportunità in materia turistica

Enogastronomia

Condividi
Stefano Ferrini, Gianni Anselmi, Paolo Corbini

 

Si è tenuto lunedì 14 maggio presso la sede del Consiglio Regionale della Toscana, a Firenze, un incontro tra il vice presidente nazionale dell'Associazione Città del Vino Stefano Ferrini (assessore alle attività economiche del Comune di Piombino) e Gianni Anselmi, presidente della Commissione Sviluppo Economico della Regione Toscana. Presente anche Paolo Corbini, vice direttore dell'associazione.

I temi trattati sono stati: I nuovi ambiti territoriali turistici e opportunità di “intreccio” con il turismo enogastronomico, gestione del territorio e sviluppo locale nel segno della sostenibilità, una più stretta collaborazione tra il coordinamento regionale delle Città del Vino e la Regione stessa.

Ha affermato Stefano Ferrini: "I nuovi ambiti turistici disegnati dalla Regione offrono molteplici spunti per lo sviluppo di azioni volte a favorire lo sviluppo dell'enoturismo e su questo punto abbiamo trovato positiva sponda da parte del presidente della Commissione Regionale Sviluppo Economico Gianni Anselmi. In primo luogo occorre capire la relazione tra questi flussi turistici ed i nuovi ambiti, per poter poi approntare iniziative conseguenti."

Spiega Gianni Anselmi: “Con le nuove norme sul turismo ci proponiamo di garantire un corretto governo dell’informazione e accoglienza turistica sovra comunale, proprio a questa esigenza risponde la nuova suddivisione in ambiti territoriali omogenei. L’auspicio è quello di mettere a disposizione del sistema turistico regionale, istituzioni e operatori, uno strumento moderno e adeguato, in grado di collocare sempre di più la Toscana nelle posizioni di testa di un settore sempre più competitivo che richiede innovazione, velocità, visione strategica. I vantaggi competitivi che ci assegnano la natura, la storia, il saper fare consolidato devono essere coniugati, nel mercato globale dove si sceglie con un click anche in Toscana, con l’ambizione di migliorarsi sempre nell’intreccio intimo fra qualità territoriale e qualità dei servizi”.


Sono 45 i Comuni soci di Città del Vino tra il quali si annoverano alcuni dei più importanti nomi della produzione vitivinicola toscana: dai Comuni del Chianti Classico a Montalcino, da Montepulciano a San Gimignano, dai Comuni della Costa degli Etruschi alla Maremma, in rappresentanza di tutte le più importanti Denominazioni di origine.

Barbara Noferi


 

Indietro lunedì 21 maggio 2018 @ 08:28 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus