Il viceprefetto Daveti contesta tutte le accuse a lui mosse

Interrogato in carcere per due ore ribadisce la sua estraneità ai fatti

Livorno

Condividi
Il viceprefetto Giovanni Daveti

Il viceprefetto Giovanni Daveti contesta tutte le accuse che gli sono state mosse. Questo è quello che emerge dopo oltre due ore di serrato interrogatorio di fronte al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Livorno Marco Saquegna e al pm Ettore Squillace. Respingere ogni capo di imputazione e dimostrare la totale estraneità ai fatti e quindi l’innocenza di Daveti è la linea che al momento intende mantenere la difesa nella persona dell’avvocato Claudio Altini.
I fatti sui quali è aperta l’indagine della Finanza e che nella mattina di giovedì 31 maggio hanno portato all’arresto del Dott.Giovanni Daveti, insieme ad altre 8 persone, sono sostanzialmente quattro: contrabbando di tabacchi esteri, porto abusivo di materiale esplosivo per vendicare una presunta truffa subita, compensazioni indebite e la sottrazione delle accise sugli alcolici. Queste dunque le illegalità che sarebbero state commesse dall’associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale di cui Daveti sarebbe a capo insieme a Giuseppe Belfiore, un affiliato di uno dei più noti clan di ‘ndrangheta che operano in Piemonte .
Attualmente il viceprefetto reggente l’Ufficio distaccato dell’isola d’Elba è recluso nel carcere delle Sughere di Livorno, ma l’obiettivo della difesa è quello di cercare di ottenere un attenuamento della misura cautelare. Nei prossimi giorni sarà avanzata la richiesta degli arresti domiciliari.
 

 

Ilaria Leonelli

Indietro lunedì 4 giugno 2018 @ 17:08 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus