Fermati e espulsi perchè senza permesso di soggiorno

È il risultato di un progetto di collaborazione delle Forze Armate sull'Elba

Cronaca

Condividi

Sono stati fermati, controllati e poi espulsi perché non in regola con il permesso di soggiorno.
È successo nei giorni scorsi sul territorio elbano nell’ambito di un progetto di servizi straordinari di controllo svolti dalla Polizia di Stato, dall’Arma dei Carabinieri e dalla Guardia di Finanza e che verrà attivato anche in collaborazione con le Polizie Municipali dei Comuni dell’Isola.
Obiettivo del dispositivo infatti è quello di rilevare persone sospette, pregiudicate o di soggetti che potrebbero svolgere attività illecita e quindi la prevenzione di fenomeni che potrebbero interessare strade, piazze o esercizi pubblici oggetto di momenti di aggregazione o di eventi, luoghi frequentati da turisti.
I primi controlli hanno portato all’individuazione di una cittadina dominicana non in regola con il permesso di soggiorno.
Al termine degli accertamenti condotti dall’Ufficio Immigrazione del Commissariato, ieri la donna è stata espulsa accompagnata al centro di identificazione.
Inoltre, in questi giorni prosegue anche l’attività di contrasto dell’abusivismo commerciale con controlli soprattutto nei luoghi degli sbarchi. Nella mattina di ieri 9 luglio, una Volante della Polizia di Stato durante delle verifiche ad un gruppo di extracomunitari, ha fermato un cittadino del Senegal, classe 1995, senza documenti.
Accompagnato al Commissariato per l’identificazione, è risultato sprovvisto della licenza di ambulante e non era in regola con le norme di soggiorno. Il personale della Polizia e dell’Ufficio Immigrazione ha quindi proceduto al sequestro della merce in suo possesso e a carico del senegalese è scattata la misura dell’espulsione.

 

Indietro martedì 10 luglio 2018 @ 10:02 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus