Operazione “Mare sicuro 2018” della Guardia Costiera

Continuano i controlli a tutela della balneazione lungo le coste dell’Elba

Cronaca

Condividi

Prosegue l’operazione “Mare Sicuro 2018” della Guardia Costiera di Portoferraio, inserita nell’ambito della programmazione delle attività estive organizzate a livello nazionale dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto e secondo le direttive dettate a livello regionale dalla Direzione Marittima di Livorno, per rispondere alle esigenze di sicurezza e salvaguardia delle attività turistiche balneari.

L’obiettivo è quello di favorire un sereno trascorrere delle attività balneari da parte dei bagnanti, attivando, nel contempo, una capillare azione di controllo su tutte le attività tipiche della stagione estiva, attraverso la verifica del rispetto delle vigenti normative, in particolare dell’ordinanza di sicurezza balneare, e delle norme in materia di demanio marittimo.

Nella giornata di ieri, martedì 21 agosto, sulla spiaggia di Cala Seregola, nel comune di Rio, l’arrivo della Guardia Costiera ha sedato un’animata discussione nata tra alcuni diportisti, che avevano ormeggiato le proprie imbarcazioni vicino la riva, e i bagnanti, che protestavano in quanto quella fascia di mare era destinata alla balneazione. I militari hanno multato i proprietari delle barche, garantendo la tutela e la sicurezza delle attività balneari in zona.

Nel pomeriggio, invece, la Guardia Costiera è dovuta intervenire per far fronte ad altre numerose segnalazioni, tra le quali quella di un motoscafo, che, dopo aver urtato contro il fondale roccioso antistante Sant’Andrea, nel comune di Marciana, aveva riportato gravi danni al motore. L’equipaggio del motoscafo, padre e figlio, non più in grado di governare l’unità, sono stati da prima tratti in salvo da alcuni diportisti presenti in zona, e poi sono saliti a bordo della Motovedetta CP 892, che li ha condotti presso il porto di Marciana Marina, dove la locale Autorità marittima procederà alle dovute indagini del caso, per risalire alle cause dell’incidente.

Gli ormeggiatori, che nel frattempo erano intervenuti per rimorchiare il mezzo, sono riusciti a recuperare anche il motore, che nel frattempo era finito fuoribordo

Indietro mercoledì 22 agosto 2018 @ 09:54 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus