Standing ovation per Graziano Regoli e i New Floyd

L'evento era organizzato dalla Pro Loco e dal Comune di Porto Azzurro

Spettacolo

Condividi
Un momento della serata

E’ stato un successo il concerto dei New Floyd che si è tenuto lo scorso 18 agosto in una gremitissima piazza Matteotti a Porto Azzurro. La band capitanata da Graziano Regoli ha esibito il repertorio con le cover dei Pink Floyd e brani completamente inediti. Ad inizio serata, un doveroso minuto di raccoglimento per le vittime dei fatti di Genova. L’evento è stato organizzato dalla Pro Loco in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e inserito nel cartellone degli eventi estivi. Si tratta di un progetto, il New Floyd, molto giovane, che però ha le sue radici nel 2010, quando Graziano Regoli ha messo insieme undici musicisti e ha dato vita alla “Magic Regoli’s Band”, tribute band dei Pink Floyd.
Il gruppo, in poco tempo è diventato molto conosciuto e si è esibito su numerosi ed importanti palchi italiani, offrendo uno spettacolo unico. Negli anni la band si è poi trasformata e rinnovata continuamente e oggi vede al suo interno l’avvicendarsi di importanti e famosi musicisti, come Paolo Pellegatti ( batterista de “La Drummeria”), Vittorio De Scalzi (voce e autore dei New Trolls) e Durga Mc Broom (corista ufficiale dei Pink Floyd).
Nonostante il grande successo ottenuto, il leader Graziano, ha deciso di dare una sterzata alla sua storia, e finito il tour estivo del 2017, scioglie la Magic Regoli’ Band. È da qui, dalle sue ceneri, che come una fenice nasce il progetto New Floyd, che propone nel suo show insieme alle personalissime cover dei Pink Floyd, brani completamente inediti. Porto Azzurro è stata una delle tante tappe del gruppo che continua a girare per le piazze italiane portando la buona musica e tanto divertimento.
 

Indietro venerdì 24 agosto 2018 @ 09:47 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus