Una cena in costume spagnolo per la Chiesa di S. Giacomo

La serata di beneficenza servirà a restaurare la struttura seicentesca

Porto Azzurro

Condividi
Chiesa di Forte San Giacomo

Una cena di beneficenza in costume spagnolo, con menù secentesco e location davvero incredibile con un parterre vista mare: ecco l'iniziativa che l'Associazione "Opera San Giacomo - Onlus", in collaborazione con l'Amministrazione Comunale di Porto Azzurro, il Rotary Club Isola d'Elba e Soroptimist International, ha organizzato per questa sera all'interno del belvedere di Forte San Giacomo. L'evento, unico del suo genere, preceduto da una visita guidata alla cittadella, servirà a raccogliere fondi per l'imminente restauro della Chiesa di San Giacomo datata 1656. Il Comitato, difatti, grazie all'impegno del direttore del carcere Francesco D'Anselmo, insieme al Comune di Porto Azzurro, è riuscito ad ottenere un finanziamento di circa 190.000 euro (quasi il totale della spesa di restauro) e presto inizierà i lavori all'antico edificio spagnolo. La cena in costume, che avrà come chef d’eccezione Alvaro Claudi, i cui fondi andranno per la nobile causa, sarà anche l'occasione per visitare gli interni della fortezza, per conoscere la sua storia e per apprezzarne dal vivo l'incredibile patrimonio.
Ne è convinto Fabrizio Grazioso, amministratore comunale e Presidente dell'associazione che si occuperà del restauro, eventi di questo genere, d'altronde, non sono nuovi al Comune di Porto Azzurro. E come ricorda la segretaria dell'Associazione Alessia Agarini, il Forte sarà animato dai figuranti spagnoli, dalle popolane e dai soldati del "Tercio de Longone". Storia e cultura in tutto e per tutto. Un'iniziativa lodevole, insomma, che avrà come cornice il vero cuore di Porto Azzurro, anzi, della Longone del Seicento.

 

Indietro sabato 25 agosto 2018 @ 10:04 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus