Alla giovane Flavia Napolitano l’Elba Festival Prize 2018

La violinista si esibirà stasera ai Vigilanti con la Camerata Fontainebleau

Eventi

Condividi
Flavia Napolitano

È prevista per questa sera, al Teatro dei Vigilanti – “Renato Cioni”, alle ore 21:15, l’assegnazione dell’edizione 2018 dell’“Elba Festival Prize”. Lo ha annunciato ieri il maestro Edelman nel corso del quinto appuntamento con i concerti del Festival “Elba Isola Musicale d’Europa”, che si è tenuto ieri, sabato 1° settembre, nella suggestiva cornice della Villa romana delle Grotte, a Portoferraio.

Ogni anno, con il sostegno dell’Associazione Amici del Festival, la direzione artistica della manifestazione seleziona un giovane talento musicale da premiare. Quest’anno, la scelta è ricaduta sulla giovanissima violinista undicenne Flavia Napolitano.

Nata a Madrid nel 2007, ha iniziato a suonare il violino ad appena 7 anni. Dopo un’esperienza all’Accademia di Pinerolo, nel 2016 viene ammessa al Conservatorio di Torino, nella classe di Piergiorgio Rosso. Nonostante la sua giovane età, Flavia conta già la partecipazione a numerosi concorsi nazionali e internazionali, collezionando primi posti, premi prestigiosi e borse di studio. Bambina “prodigio”, si è esibita per la prima volta da solista a soli 9 anni, e da allora ha proseguito suonando con orchestre provenienti da tutto il mondo, mostrando il suo talento in progetti e rassegne musicali importanti e frequentando masterclass con maestri di fama internazionale.

Ad accompagnarla, nel concerto di stasera, sarà la già acclamata Camerata Fontainebleau. Insieme al maestro violinista Gordan Nikolić, si esibiranno Aki Saulière, Elena Rey, Mayuko Ishigami e Gabrielle Shek, al violino, David Quiggle, Paloma Cueto-Felgueroso, Natalia Tchitch, alle viole, e i violoncelli Raphael Bell e Céline Flamen.

Il programma musicale della serata prevede il Quintetto per archi K. 515 di Mozart, il Preludio e Allegro per violino e orchestra d’archi di Gaetano Pugnani e Fritz Kreisler, Danze popolari rumene (arrangiamento per violino e orchestra d’archi) di Bela Bartok e l’Ottetto per archi Op. 7 di George Enescu.

Indietro domenica 2 settembre 2018 @ 13:07 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus