Freccia rossa bloccato a pochi km da Roma

Tra i passeggeri anche il presidente della Toscana Enrico Rossi

Attualità

Condividi
Foto Trenitalia

 

“Cinque ore e quaranta minuti fermi a pochi chilometri da Roma su un treno Frecciarossa ‘doppio'. Poi, alle nove e un quarto di sera, siamo ripartiti su un altro treno su cui siamo trasbordati”.

C'era anche il presidente della Toscana Enrico Rossi tra i ‘prigionieri' del treno che poco dopo le tre e mezzo del pomeriggio, partito da quindici minuti, si è fermato per un guasto alla linea a Capena, su una massicciata in aperta campagna vicino a Settebagni diretto verso Firenze e Torino. Sedici vetture e oltre novecento passeggeri. Era stato inviato un locomotore per provare a rimorchiare il convoglio. Dopo tre ore si è concluso che era impossibile.

“Viene da chiedersi - dice Rossi e lo scrive in un post su facebook- perché se questa doveva essere la soluzione non sia stata subito adottata. L'impressione è che manchi una procedura e un piano preciso per la gestione di queste situazioni”. “Vi lascio immaginare - prosegue Rossi - le scene di panico, i commenti dei viaggiatori italiani e di quelli stranieri”. Passate tre ore, con scarse e contradditorie informazioni, senza aria condizionata, qualcuno si è fatto prendere dall'isterismo. Una coppia di giapponesi l'ha presa con filosofia mettendosi a costruire origami di tutte le forme.

“Mi chiedo - sottolinea Rossi - se l'autorità di regolazione dei  rasporti abbia il compito e sia in grado di fare un'indagine su quello che è successo, di individuarne le cause e di imporre rimedi e protocolli più efficienti. Si tratta di imparare dagli errori e di adottare procedure che garantiscano di più gli utenti”. “Chiedo - conclude Rossi - che il ministro Toninelli si interessi al caso e prenda subito un'iniziativa”.

 

Indietro sabato 8 settembre 2018 @ 10:06 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus