Continuità territoriale, Enac aumenta le risorse

Il cda dell'ente ha deliberato l'assegnazione di altri 750mila euro in 3 anni

Aeroporto

Condividi

Assegnate da Enac le risorse aggiuntive che renderanno possibile un nuovo bando per garantire all'Arcipelago toscano anche la continuità territoriale aerea. L'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli informa che il cda di Enac ha deliberato l'assegnazione di ulteriori 750.000 euro in tre anni all'aeroporto di Campo nell'Elba. La cifra era stata richiesta ad integrazione del precedente stanziamento statale e regionale di 2.550.000 euro (1.050.000 di risorse regionali e 1.500.000 di risorse ministeriali) per garantire il servizio di collegamento aereo per tre anni tra l'Elba e le città di Pisa, Firenze e Milano.

"Dopo che il precedente bando per garantire la continuità territoriale aerea dell'Arcipelago toscano era andato deserto - spiega Ceccarelli - la Regione aveva sollecitato Enac ad aggiungere risorse a quelle già stanziate in modo da portare il valore della gara almeno a 3.300.000 euro, cifra ritenuta più equa per il servizio richiesto. Ero fiducioso e già venerdì scorso durante la mia partecipazione ad un convegno organizzato proprio a Campo sul futuro dell'aeroporto, avevo detto che mi aspettavo un esito positivo della vicenda. Adesso ho la conferma che queste risorse sono state stanziate e ringrazio Enac".

"La Regione provvederà a convocare al più presto la conferenza dei servizi - conclude l'assessore - per consentire ad Enac di avviare al più presto l'iter per il nuovo bando. Il nostro obiettivo è avere il servizio di continuità territoriale già attivo per la prossima stagione balneare. La Toscana ha dimostrato più volte e con i fatti e gli investimenti di credere nel futuro e nello sviluppo dell'aeroporto di Campo, che per noi rappresenta una priorità anche per quanto riguarda i servizi al turismo".

"Sono molto soddisfatto e ringrazio Enac, per la sensibilità dimostrata verso le esigenze della popolazione elbana, e l'assessore Ceccarelli per il continuo supporto al nostro aeroporto ed all'Elba - così Claudio Boccardo, amministratore di Alatoscana, che gestisce lo scalo elbano - Ora occorre, tutti insieme, cercare di accelerare il più possibile le procedure di pubblicazione del bando e la relativa aggiudicazione per avviare i servizi per la prossima stagione estiva"

A seguito dei recenti lavori (allungamento della pista di 70 mt) l'aeroporto de La Pila, a Campo nell'Elba, è passato da classe 1c ICAO a classe 2c ICAO con deroghe. Una volta completati i lavori di adeguamento anche del fosso della Pila e modificata la recinzione aeroportuale (rendendola frangibile dal lato del fosso della Galea) sarà possibile anche il ritiro delle deroghe, con passaggio definitivo alla classe 2c ICAO, quella richiesta dalla normativa aeronautica per gli aeromobili da 30 e 50 posti che frequentano l'isola d'Elba.

 

Indietro martedì 2 ottobre 2018 @ 16:43 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus