È scontro tra PD e Forza Italia sulla sanità elbana

Le due fazioni hanno espresso le loro posizioni in due comunicati stampa

Politica

Condividi

Botta e risposta tra il PD elbano e Forza Italia in merito all’annosa questione del depotenziamento della sanità elbana.

In questi giorni di visite importanti per l’ospedale di Portoferraio, come quella della direttrice generale dell’USL Toscana Nord Ovest Maria Teresa De Lauretis, e quella, prossima, dell’assessore regionale alla salute Stefania Saccardi, che sarà sull’isola il 17 ottobre, si sono riaccese, com’era prevedibile, le polemiche sul declassamento della struttura sanitaria elbana da parte dei comitati cittadini, come Elba Salute e il Gruppo Elba Sanità.

Il Partito Democratico, oggetto delle aspre critiche dei comitati, ha espresso la sua posizione attraverso un lungo e articolato documento, frutto della collaborazione col Consigliere regionale Gianni Anselmi e con l’Assessore Saccardi, e inviato all’attenzione della Regione Toscana e dell’azienda sanitaria, che mira a un percorso pluriennale volto ad innalzare la qualità dell’offerta sanitaria all’Elba.

“Nessun declassamento e nessun placet dal Partito Democratico dell’isola d’Elba per un depotenziamento del nostro ospedale, ma anzi un rilancio sui temi legati alla sanità del territorio, completamente assente dalle “giornalate” dei comitati e, ben più grave, dall’ultimo documento sulla sanità licenziato dai sindaci elbani” ha commentato Simone De Rosas.

“Abbiamo lavorato lungamente proprio per offrire una proposta seria e realizzabile per il nostro ospedale e per tutta la sanità del nostro territorio, muovendo proposte concrete, senza frasi ad effetto, ma con un percorso di ascolto e analisi della situazione attuale”.

Il documento della Conferenza dei Sindaci è difeso, invece, da Forza Italia in un altrettanto lungo e corposo comunicato stampa, a firma di Mario Ferrari, sindaco di Portoferraio ed ex Presidente della Conferenza dei Sindaci, di Luciano Rossi, Presidente del Consiglio comunale di Portoferraio e di Gianluigi Palombi, coordinatore elbano del partito e assessore alla Sanità del Comune di Campo.

“Che il PD elbano non abbia letto il Documento dei Sindaci lo dimostra nel passaggio in cui difende il mantenimento della unità operativa complessa della Medicina Generale, che in realtà non è stata mai messa in dubbio, a conferma del grossolano tentativo di strumentalizzare, in maniera anche un po’ goffa, tale dibattito”. “La Conferenza aveva concertato anche la possibilità di istituire una Unità operativa complessa di Anestesia e Rianimazione che avrebbe permesso una congrua risposta a quei casi in cui la complessità clinica richiede inevitabilmente una maggiore assistenza post-chirurgica”.

L’auspicio di entrambe le forze politiche è che si torni a fare politica avendo come obiettivo la crescita e lo sviluppo del territorio elbano e che la si faccia in sinergia con tutti i profili politici, sociali e professionali coinvolti.

Lo stesso auspicio che si fanno anche i cittadini dell’isola d’Elba.

Indietro lunedì 15 ottobre 2018 @ 15:52 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus