Il sindaco Ferrari: "Emergenza gestita con professionalità"

E torna sulla questione della carenza di personale dei Vigili del Fuoco elbani

Maltempo

Condividi

Si è chiusa alle 13 di ieri, martedì 30 ottobre, l’attività del C.O.C. (Centro Operativo Comunale) di Portoferraio, la sala operativa che nelle ore dell’emergenza maltempo all’isola d’Elba ha gestito, con il supporto del sindaco, Mario Ferrari, e delle autorità di Protezione Civile, la direzione ed il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione di Portoferraio e non solo.

Il C.O.C. era stato aperto alle 7 di lunedì 29 ottobre, presso il Palazzo della Biscotteria, per far fronte all’allerta meteo di grado “rosso” diffusa dalla Sala operativa regionale della Protezione Civile su tutto il territorio dell’isola d’Elba, sull’Arcipelago e sulla costa sud della Toscana.

Per almeno 30 ore il personale dei Vigili del Fuoco, delle associazioni di Protezione Civile di Portoferraio hanno monitorato quanto accadeva sul territorio, distribuendo le forze presenti nei vari interventi che si sono resi necessari a seconda dell’urgenza e coordinando le richieste che arrivavano, attraverso il numero di emergenza 115, anche dagli altri comuni dell’isola.

“Devo ringraziare di cuore per l’opera e la professionalità messa a disposizione”, ha dichiarato il sindaco Mario Ferrari alla chiusura del C.O.C. “Ringrazio tutti coloro con i quali abbiamo condiviso l’emergenza: dalle nostre associazioni Misericordia, Pubblica Assistenza Croce Verde e Santissimo Sacramento, al personale del Comune, della Cosimo de’ Medici e della Cooperativa Cisse, alla Polizia Municipale e alle forze dell’ordine (Carabinieri, Polizia di Stato, Capitaneria di Porto e Guardia di Finanza)”.

“Oltre al ringraziamento”, ha aggiunto Ferrari, “un pensiero va agli uomini del Distaccamento di Portoferraio dei Vigili del Fuoco, che, nonostante l’esiguo numero di persone in servizio, sono riusciti a mantenere altissima l’attenzione sull’emergenza. Che una sola squadra dei Vigili del Fuoco sul territorio dell’isola, composta da cinque unità, non sia minimamente sufficiente è cosa nota da tempo, ma purtroppo solo nel periodo estivo si riesce a raddoppiarne la presenza”.

“I Vigili del Fuoco elbani, in questa occasione, erano stati tempestivamente rinforzati con un’altra squadra, in previsione del maltempo, ma questo potrebbe non accadere sempre, in caso di condizioni meteo avverse che impediscano i collegamenti. Chiediamo dunque alla Prefettura e al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di rivedere il dispositivo ordinario di soccorso previsto per il nostro territorio”.

Indietro mercoledì 31 ottobre 2018 @ 18:16 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus