Raffica di truffe online scoperte dai Carabinieri

Tra i reati scoperti frodi aggravate, insolvenze e sostituzioni di persona

Capoliveri

Condividi

I militari della Stazione Carabinieri di Capoliveri, durante la passata stagione estiva e fino a poche settimane fa, hanno denunciato in stato di libertà ben 13 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di truffa aggravata, sostituzione di persona, uso fraudolento di carte di credito e insolvenza fraudolenta.

Le indagini hanno riguardato, soprattutto, una serie di frodi perpetrate su internet attraverso noti siti di e-commerce, a danno degli utenti: i truffatori hanno, infatti, utilizzato per compiere indiscriminatamente i loro acquisti i dati delle carte di credito di ignare vittime, dati spesso registrati su siti di gioco d’azzardo. Dagli accertamenti è emerso che ogni truffatore aveva frodato più di una persona, per un giro illecito di decine di migliaia di euro.

In un caso, in particolare, l’Arma di Capoliveri è dovuta ricorrere ad indagini in campo internazionale: questa volta, il truffatore aveva rubato i dati d'identità di un utente, sostituendosi a lui e portando avanti delle minacce attraverso Facebook.

Alla luce di questi casi e con l’approssimarsi delle festività natalizie, i Carabinieri consigliano di prestare la massima attenzione durante le ormai consuete attività di acquisto online, proprio per evitare di trovarsi invischiati in truffe di questo genere.

L’Arma raccomanda anche di non navigare su siti internet di dubbia attendibilità, sempre più spesso utilizzati dai malfattori per carpire i dati delle carte di pagamento. Attenzione anche alla registrazione online dei propri dati sensibili o d’identità, in quanto molti truffatori se ne servono per compiere ulteriori reati, con il rischio, paradossale, di passare da vittima ad indagato.

Indietro giovedì 29 novembre 2018 @ 11:30 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus