Vaccino antinfluenzale: bene per la Regione Toscana

Quest'anno ottimi risultati per campagna di vaccinazione

Attualità

Condividi

Quest'anno, la campagna di vaccinazione antinfluenzale sta funzionando molto bene.

Tanto che in alcune aziende, ad appena un mese dall'inizio della campagna vaccinale, le scorte di vaccino (ordinate in base ai consumi dell'anno scorso) sono terminate o stanno terminando

"Il fatto che le scorte di vaccino si stiano esaurendo mi sembra un buon segno - è il commento dell'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi - Significa che la campagna vaccinale sta funzionando e che quest'anno si stanno vaccinando tante persone in più rispetto all'anno scorso. Altre dosi sono in arrivo, e nessuno di quanti vogliono vaccinarsi resterà senza vaccino.

E' importante che tutti capiscano che il vaccino è lo strumento più efficace per prevenire l'influenza e tutte le complicanze che ne derivano, in particolare per gli anziani e per i soggetti a rischio".

Per la stagione 2018-2019 la Regione ha acquistato, in base alle richieste fatte dalle aziende sui consumi della scorsa stagione, 777.340 dosi di vaccino tetravalente (che copre due ceppi di A e due di B).

Al momento, si pensa che siano necessarie altre 12.000 dosi, oltre a quelle già distribuite alle aziende.

L'azienda Toscana nord ovest ha necessità di 5.000-7.000 dosi in più. Ne aveva ordinati il 5% in più rispetto a quelli della stagione precedente, quando erano addirittura avanzati.


Negli ultimi anni il livello di copertura della vaccinazione antinfluenzale anche in Toscana ha subìto una significativa flessione: la copertura più elevata nella popolazione di età pari o superiore a 65 anni è stata raggiunta nella stagione 2009-2010, durante l'emergenza pandemica, (71,1%).

Gli anni successivi hanno registrato una continua flessione, anche imputabile ad una insufficiente o errata comunicazione su questioni di sicurezza dei vaccini, che poi si sono rilevate prive di fondamento.
Nella scorsa stagione 2017-2018, la copertura vaccinale è risultata pari al 55,3% (con 63 casi gravi e ben 15 decessi): anche se in miglioramento, ancora molto lontana dall'obiettivo minimo di copertura vaccinale, fissato al 75%

 

Indietro giovedì 29 novembre 2018 @ 08:31 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus