Il Sindaco di Grosseto parla in materia di sicurezza

il Comune ha avviato azioni in linea con le direttive del Ministro dell’Interno

Condividi
Foto dal sito del Comune di Grosseto

 

"Questo perché il Governo vuole dare dimostrazione visibile alla cittadinanza che non esistono luoghi in cui le azioni illecite possano restare impunite o svolgersi senza che lo Stato manifesti la sua capacità di reazione. Una azione di disturbo costante sarebbe di grande utilità.

La direttiva, inoltre, ci è particolarmente utile perché definisce alcune azioni che noi, come Comune di Grosseto, abbiamo già da tempo pensato e pianificato: penso alla vigilanza coordinata, ai cosiddetti accordi di vicinato, alla velocità di espulsione degli stranieri irregolari coinvolti in attività criminali.

Il Comune di Grosseto, quindi, è stato antesignano nelle politiche sulla sicurezza: l’assessorato ad hoc, l’istituzione del nucleo operativo sicurezza, il gruppo cinofilo. Queste indicazioni chiare oggi si sommano a quelle del decreto sicurezza che prevede, fra l’altro, il daspo, che ora può scattare anche ospedali, mercati, scuole o fiere; la possibilità di sgomberi delle case abusive, al fondo ad hoc di 2 milioni l’anno per le indennità dei titolari degli immobili; la stretta sui parcheggiatori abusivi.

I sindaci potranno, infine, chiudere i negozi con problemi di ordine pubblico e sono previsti grandi stanziamenti per telecamere di sorveglianza e l’assunzione di agenti di polizia locale.

Finalmente ora gli amministratori locali hanno strumenti per poter avere, oltre alle già numerose responsabilità, anche la possibilità di agire direttamente e concretamente sui problemi delle nostre comunità".

Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto

 

Indietro mercoledì 5 dicembre 2018 @ 09:39 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus