Campiglia Marittima: prevenire gli abbandoni dei bambini in auto

Campiglia si dota di una App, Ticciati: “Impegno dovuto per affrontare un problema serio

Campiglia Marittima

Condividi

 

Entro il mese di gennaio sarà attivo per le famiglie delle bambine e dei bambini che frequentano i nidi comunali di Campiglia Marittima, I Colori del mondo e L’Arca, un servizio di avviso in caso di assenza ingiustificata all’asilo: il servizio ha lo scopo di prevenire i casi di abbandoni in auto e sarà gestito attraverso un’App per smartphone coerentemente con l’introduzione di innovazioni rivolte alla semplificazione delle problematiche attraverso soluzioni informatizzate. Coinvolti gli uffici scuola e i sistemi informativi che hanno insieme valutato le soluzioni più funzionali e sicure.

Come Campiglia anche gli altri Comuni della Val di Cornia hanno aderito a tale modalità di comunicazione e verifica verso le famiglie adempiendo alla nuova normativa e al nuovo regolamento della Regione Toscana che, visti i numerosi ravvicinati casi di abbandono di bambini in auto, prevede l’obbligo per i titolari dei servizi all’infanzia della fascia fino ai 3 anni di età di avvisare i genitori dei bambini che risultano assenti ingiustificati.

Mercoledì 9 gennaio si terrà una riunione con i genitori per spiegare il funzionamento della App e come registrare i numeri di telefono da rintracciare, infatti il funzionamento dell’applicazione prevede che se il bambino risulterà assente, entro un orario stabilito della mattina, vengano effettuate le telefonate ai numeri dei familiari ripetutamente fino a quando uno non risponderà per accertare il motivo dell’assenza.

I Comuni della Val di Cornia hanno fatto una scelta univoca sostenendo ognuno i costi del servizio che non prevede pertanto nessun onere per le famiglie. Poiché l’obbligo di verifica è già in essere dall’inizio dell’anno, lunedì 7 gennaio, giorno di rientro dalle vacanze natalizie, le verifiche saranno effettuate tramite il personale del Comune che telefonerà ai genitori. Da circa metà gennaio, dopo l’a riunione informativa, si potrà partire con la App.

Commenta così l’assessora alle politiche educative di Campiglia Marittima Alberta Ticciati: "Una misura necessaria per combattere quella che è diventata un'emergenza; in attesa della messa a disposizione di un sistema informatico che la Regione Toscana sta realizzando, abbiamo ritenuto indispensabile attivarci sin da subito in accordo con le altre Amministrazioni della Val di Cornia ed acquisire questa App che potrà avvisare i genitori, in tempo reale, della mancata presenza del bambino al nido”. “Un impegno dovuto – aggiunge Ticciati - per affrontare un problema serio e reale e per supportare le famiglie, rendendole più serene e consapevoli".
 

Indietro sabato 5 gennaio 2019 @ 10:54 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus