Ferrari ricorda le vittime delle Foibe

Il comune di Portoferraio ha celebrato con una messa il Giorno del ricordo

Portoferraio

Condividi

Il comune di Portoferraio ha celebrato, durante la messa che si è svolta domenica 10 febbraio 2019 alle 11 in Duomo di fronte alle autorità militari e alle associazioni d’Arma, il Giorno del ricordo, la solennità civile nazionale celebrata il 10 febbraio di ogni anno ed istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92 per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani dalle loro terre durante la seconda guerra mondiale e nell'immediato dopoguerra, e della più complessa vicenda del confine orientale.

“Una ricorrenza divenuta tale solo da pochi, troppo pochi anni – ha ricordato nel suo discorso il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari - fu proprio il 10 febbraio del 1947 che fu firmata l'annessione dell'Istria della Dalmazia e di Fiume al governo comunista Jugoslavo. L’Italia da qual giorno pagò i debiti di guerra con la pelle dei suoi compatrioti, che subito dopo vennero perseguitati, torturati, stuprati, derubati  e infoibati.

L'unica loro colpa fu quella di essere Italiani.

E' purtroppo inverosimile come l'Italia per quasi 60 anni abbia fatto finta di dimenticare i crimini subiti dai nostri fratelli di Istria, Fiume e Dalmazia.

Ed e' vergognoso che quella storia sia stata taciuta e omessa dai libri di scuola e dagli organi di informazione, così come da una certa parte della sinistra dello schieramento politico ci sia stata una tendenza a minimizzare e a dimenticare”.

“Non sta a noi comunque - ha aggiunto il sindaco - ricordare le colpe della politica e dell’opinione pubblica italiana.

Il nostro dovere è ricordare nella maniera più appropriata tutte le pagine più importanti della nostra storia. A farlo, anche oggi come sempre, ci aiuta la presenza delle Forze dell’Ordine, che con la loro attività quotidiana rassicurano la vita di ognuno di noi tenendo lontani soprusi e violenze d’ogni genere, e delle Associazioni d’Arma, che con la propria orgogliosa rappresentanza sono memoria vivente del nostro orgoglio nazionale e del sacrificio fatto da tanti italiani per difendere la propria Patria. A loro - ha concluso Mario Ferrari – va la nostra riconoscenza”.

 

Indietro lunedì 11 febbraio 2019 @ 10:28 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus