Inaugurazione del canile minimo di Montegemoli

Giovedì 14 marzo alle 11,30 inaugurazione ufficiale alla presenza del sindaco di Piombino Massimo Giuliani

Piombino

Condividi

 

Aperto alla fine di luglio con il trasferimento definitivo dei cani che erano stati ospitati nella struttura di Campagnatico, il nuovo canile minimo di Montegemoli verrà inaugurato ufficialmente giovedì 14 marzo alle 11,30, alla presenza del sindaco Giiuliani, dell’assessore ai lavori pubblici Claudio Capuano e dei volontari dell’Enpa.

Dall’apertura della struttura fino a oggi nel canile minimo sono stati completati alcuni interventi nell’area a verde, con la realizzazione del prato, l'impianto di irrigazione e l’inserimento di nuove alberature.

E’ stata costruita inoltre una recinzione provvisoria nell'attesa di realizzare il ponte finale, in modo da ricostruire il muretto senza interruzioni, permettendo così un unico muro che si unisca a quello fronte strada, già esistente. Il costo complessivo del nuovo canile, fino a oggi, è stato di 450mila euro circa.
Rimane a questo punto da realizzare il canile sanitario, che è un progetto definitivo in attesa di finanziamento ma comunque pronto per l'approvazione.

Il canile comprende attualmente 46 box di 2 metri per 4, con porte che mettono in comunicazione gruppi di quattro cani alla volta, con tanto di accesso comune all'area di sgambatura. Ogni piccolo branco ha a disposizione 64 metri quadrati, metà dei quali coperti. Le gabbie sono coibentate per proteggere dal caldo e dal freddo e l’area di sgambatura è provvista di teli ombreggianti. Le gabbie hanno al loro interno cucce per ciascun ospite e chiusure doppie che possono essere aperte sia dall’interno che dall’esterno.

Già allestito anche l’ambulatorio provvisto di un nuovo tavolo operatorio realizzato grazie ai proventi dello spettacolo teatrale curato da EmmePi3 e donato al canile da ENPA, AVIS e Pubblica Assistenza.

Un'area che è stata triplicata rispetto alla normativa: i box hanno copertura fonoisolante e pannelli in lana di roccia anche laterali.

“Si tratta di una struttura all’altezza delle necessità degli animali e dei volontari che ci lavorano, che in questi mesi abbiamo migliorato effettuando gli interventi programmati – ha spiegato Capuano – Anche grazie al contributo delle associazioni e dei soggetti che vorranno collaborare con noi, siamo certi che potremo far molto per il benessere di questi animali.”
 

Indietro giovedì 7 marzo 2019 @ 14:42 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus