Il Centro Atletica Piombino si fa valere "Ai confini delle Marche"

I cadetti U16 si sono difesi magnificamente alla rappresentativa interregionale di Ancona

Passione Sport

Condividi

 

Accompagnati dal presidente Fabio Quilici, Maddalena Quilici, Lorenzo Mansani e Brunella Cerri, i cadetti U16 del Centro Atletica Piombino si sono difesi magnificamente alla rappresentativa interregionale di Ancona "Ai Confini delle Marche".

Medaglia d'argento per Matteo Ciampini nei 60 metri con il tempo di 7"36. Il ragazzo seguito da Fabio Quilici e Mario Morganti non è neppure partito bene, rimanendo subito indietro.

Un buon recupero nella fase di accelerazione, lo ha portato a questo argento, con il primo classificato non lontano a 7"33. Bella stagione indoor per Matteo che si è affermato in regione come unico vero dominatore della velocità e del salto in lungo, specialità nella quale ha ottenuto un ottimo 6.26 che lo ha piazzato al quinto posto all time tra i cadetti piombinesi, dietro a nomi importanti come Maurizio Bellucci e Domenico Fontanella, che hanno fatto la storia dell'atletica della nostra città e non solo.

L'altro argento è arrivato per mano di Mario Cutaia che ha disputato una buona gara di tetrathlon. Cutaia è un discreto saltatore di lungo e asta, molto abile sugli ostacoli, si sta allenando per migliorare i lanci per essere competitivo il prossimo anno anche nel Decathlon.

Ha condotto una buona gara, senza punte nelle sue prestazioni, ma evitando grosse buche nelle varie prove, quello che nelle prove multiple, alla fine, conta. I suoi parziali: 9"13 nei 60 Hs, 1.68 nel salto in alto, 11.92 nel getto del peso, 3'15"64 nei 1000 metri.

I due saltatori con l'asta, Stella Beccari e Alessandro Augenti, hanno conquistato entrambi il quinto posto, accomunati non solo dal piazzamento, anche da due errori clamorosi a quelli che sarebbero potuti essere i loro rispettivi record personali. La Beccari, dopo aver eguagliato la sua misura di accredito di 2.50, ha quasi valicato 2.60, ma l'asticella ha traballato per circa 2-3 secondi e poi è caduta.

Il giudice aveva addirittura già alzato bandiera bianca, ma con il nuovo regolamento 2019 può anche sovvertire la sua decisione, cosa che fino allo scorso anno non poteva essere fatta.

Grande rammarico per la Beccari che comunque non si è persa d'animo ed è rimasta soddisfatta. Augenti dopo un abbondante 2.80, ha pelato i 3.00 per ben due volte. Peccato per lui, ma grande soddisfazione per essere migliorato di mezzo metro in un solo mese.

Chiudiamo con Rachele Falchi, sesta nel triplo con 9.95. Un personale di 10.41 per la ragazza seguita da Francesca Quilici che deve ancora risolvere alcuni problemi di rincorsa, che viene eccessivamente accorciata con i passetti nella sua parte finale. Rachele ha preso parte anche alla staffetta 4x200 insieme alla senese Bernardi, alla fiorentina Guarino e alla ragazza della Toscana atl. Empoli Eleonora Matteucci.

Le staffette andavano composte per appartenenza regionale quindi anche i nostri ragazzi hanno potuto correre passando il testimone a ragazze o ragazzi di altre società. E' stato anche il caso della staffetta maschile, composta dai piombinesi Matteo Ciampini e Alessandro Augenti e dai fiorentini Alessandro Mazzi e Kevin Yepe Plegnon.

Partiti in cinque, hanno portato a casa cinque medaglie, dimostrando l'ottimo lavoro svolto dalla società negli ultimi due anni, che li ha cresciuti settimana dopo settimana, gara dopo gara e continuerà a farlo in futuro.

 

Indietro venerdì 8 marzo 2019 @ 09:26 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus