A Barbantini e Cornaro due nuove vie di Grosseto

Le due strade saranno intitolate all'ex questore di Grosseto ed alla prima donna italiana laureata

Grosseto

Condividi
Lucrezia Cornaro

 

Nelle prossime settimane l'ufficio toponomastica del Comune di Grosseto concluderà l'iter amministrativo per dotare di due vie la frazione di Braccagni. Saranno intestate a due figure importanti nel panorama cittadino e nazionale.

La prima è quella di Alessandra Barbantini, nativa di Roma, ex questore di Grosseto dal 1993 al 1997 ma con diversi anni alle spalle sempre nel capoluogo maremmano sia come ispettrice, che all'inizio si era interessata di diritto di famiglia e minori, quindi a capo della squadra mobile del comando di Polizia.

La città era particolarmente legata alla sua figura di donna gentile e professionale e la sua scomparsa suscitò profonda commozione. L'altra via sarà invece dedicata alla veneziana Elena Lucrezia Cornaro, figlia di un nobile e prima donna laureata in Italia, nata nel 1646 e morta a Padova nel 1684: conseguì il titolo accademico in filosofia con relativa pergamena nel 1678 ed a lei è stata eretta una statua nella città euganea.

“E' un omaggio al valore che l'immagine femminile ha dato alla società nel tempo, per il livello culturale e per i risultati ottenuti. Per questo - spiegano dalla Giunta comunale di Grosseto - abbiamo cercato di privilegiarla nell'assegnare le giuste intitolazioni per le nuove vie della frazione”.

Stefano Fabbroni
 

Indietro lunedì 11 marzo 2019 @ 15:26 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus