Un mucchio di eternit sulla strada da Colle Reciso verso i Mulini

La riflessione di Riccardo Nurra sullo stato dei percorsi.

Ambiente

Condividi
Foto di Riccardo Nurra

 

Quando, facendo un tratto di strada a piedi, partendo da Colle Reciso e andando verso i Mulini a vento verso Campo, mesi fa, mi sono imbattuto in un mucchio di eternit che qualche delinquente se ne era voluto disfare, lasciandolo abbandonato a "sfarinarsi" lungo il bordo strada di un percorso magnifico, ero veramente contrariato.

Quando però sabato scorso ci sono tornato, dopo tanto tempo e ho trovato tutto come avevo lasciato mesi prima, anzi ovviamente peggio, mi sono vergognato soprattutto perchè nello stesso momento sopraggiungeva un gruppo di uomini in bici, suppongo "forestieri" che scambiandosi ironiche osservazioni evidenziavano di aver visto già quello sconcio tempo prima.

Non so chi deve vigilare, ma credo dovrebbero essere coinvolti vari soggetti e prima di tutti il Parco che dovrebbe con frequenza verificare lo stato dei percorsi ed eventuali danneggiamenti , agendo poi per il ripristino.

Ma nessuno va a vedere ? O si fa finta di niente. Si deve lasciare tutto così, fino a quando tutta l'eternit sarà sbriciolata e dispersa nel bosco sottostante? E i Comuni e le Forze dell'Ordine non devono essere coinvolti ?

Non mi meraviglio che sia stato abbandonato in modo incosciente tale materiale.
Ho avuto varie esperienze in zona per pulire il bosco lungo quella strada. Si è trovato di tutto anche oggetti molto pesanti e inquinanti.

Quello che mi meraviglia però è notare questo abbandono e questo modo di pensare: "Qualcun altro provvederà".

Ma non è questo il modo di "tenere" un territorio dove senza meriti abbiamo avuto la fortuna di nascere e di viverci.


Riccardo Nurra

Indietro lunedì 11 marzo 2019 @ 14:13 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus