“Personaggi in cerca di amore” al Teatro dei Vigilanti

I proventi raccolti saranno interamente devoluti per garantire il percorso scolastico per 40 bambini In Uganda

Elba

Condividi

Dopo gli spettacoli dello scorso dicembre al Teatro Flamingo di Capoliveri, esordisce al Teatro dei Vigilanti Renato Cioni di Portoferraio, sabato 16 marzo alle ore 21.15 spettacolo unico, “Personaggi in cerca di amore”, il Musical sulla Misericordia, ideato e interpretato da “La Compagnia Teatrale Ragazzi della Parrocchia di Capoliveri”.

L’esilarante rappresentazione a lieto fine, piacevolmente intercalata da brani eseguiti dal vivo e coreografie, racconta la storia di un gruppo di adolescenti che per evadere la solita quotidianità decide di organizzare un Musical mettendo in gioco i propri talenti, uno di loro però, dopo una furiosa discussione in famiglia, scappa di casa e viene ospitato da un conoscente in un garage abbandonato, ma si ritrova presto invischiato in un brutto giro. Sembra proprio che il gruppo debba mettere in scena lo spettacolo senza di lui, fino a che...

I proventi raccolti saranno interamente devoluti per garantire il percorso scolastico per 40 bambini In Uganda. Questo è lo scopo di beneficenza dello spettacolo promosso da Unicoop Tirreno che insieme a Avsi porta avanti il sostegno a distanza per garantire a centinaia di bambini ogni giorno di poter imparare a leggere e scrivere. I ragazzi elbani aiutano con la loro arte altri ragazzi.

Un grazie ai ragazzi per il loro impegno, ai Tutor per il loro supporto, alle famiglie al Comune di Portoferraio nella persona dell'Assessore Cultura Roberto Marini e a tutti quelli che credono in questo percorso di Solidarietà

Comitato sezione Soci Unicoop Tirreno Isola D'Elba

Il tuo ingresso sarà un gesto di amore! Prenota il tuo posto: tel. 3388013198.

Indietro mercoledì 13 marzo 2019 @ 11:38 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus