Luigi Lanera: "La sanità al primo posto delle mie battaglie in comune"

Di Luigi Lanera consigliere di minoranza comune di Portoferraio

Sanità

Condividi

In questi giorni di grande fermento mediatico su una problematica sanitaria elbana, la più attuale, non posso che constatare di essere stato il primo, come già anche l'anno scorso, a sollevare tale questione(vedi articolo del 18/05 http://www.tenews.it/giornale/2019/05/18/luigi-lanera-si-esprime-in-merito-alla-sanita-all-elba-79043/) e, al momento, con rammarico, anche una delle poche voci della politica locale, anche di quella neo-eletta.

Purtroppo, da tutto quello che si sta scrivendo, la conclusione immediata ed erronea che, ad una lettura affrettata, si potrebbe evincere è la stigmatizzazione di figure professionali, invece che l'analisi globale di situazioni e organizzazioni. Non voglio entrare nel merito di questioni già ampiamente dibattute, ma in questo senso mi sento solo di rinnovare tutta la mia stima e la mia fiducia a tutte, e sottolineo, tutte le figure professionali che ogni giorno sono impegnate alla salvaguardia della salute di ognuno di noi.

Il mio biasimo va invece ad una organizzazione e ad una gestione che vuole nascondere, con l'introduzione dell'India, una diminuzione dei servizi verso tutti i cittadini.

Purtroppo però vorrei far notare che questa è soltanto la punta dell'iceberg di una situazione sanitaria che sta per implodere.

Colgo l'occasione quindi per portare all'attenzione e alla conoscenza di tutti, e ancora una volta, che l'ospedale nella sua interezza si regge e va avanti, da anni, solo grazie alla professionalità, alla abnegazione e al sacrificio del suo personale "autoctono", che affronta quotidianamente problematiche mal gestibili anche in ospedali ben più strutturati.

Personale che è ormai ridotto "all'osso" e che continuamente viene integrato con personale "esterno", con ovvio grosso dispendio di risorse.

Più e più volte è stata portata all'attenzione dei vertici Asl la cronica carenza di personale stanziale e più e più volte sono stati richiesti rinforzi a tutti i livelli e per tutti i reparti sofferenti, ottenendo sempre e solo una risposta: "all'Elba non vuole venire nessuno". Non si può non pensare, anche in considerazione del fatto che pare che le retribuzioni dei sanitari toscani siano, di base, molto più basse rispetto a molte altre regioni, che se fossero offerte condizioni appetibili e adeguati benefit, il personale probabilmente non tarderebbe ad arrivare. E non parliamo di risparmio, visto che a conti fatti al momento attuale l'ospedale elbano è onerosissimo e che i soldi spesi, in quasi tutti i reparti, per i "super-straordinari" del personale esterno in missione, basterebbero, ed anzi sono ben superiori, a quelli che servirebbero per creare un pool sanitario stanziale ben incentivato.

Verrebbe da pensare che questa situazione, demedicalizzazione territoriale compresa, faccia parte di una gestione ben pianificata e in atto ormai da anni e tesa soltanto a portare un "taglio" dei servizi, anche di quelli più essenziali, e senza, in realtà, portare ad un risparmio economico; e il tutto a discapito della salute del cittadino.

Rifacendomi anche a quanto espresso dal Prof. Castellacci in in suo recente intervento, si dovrebbe invece prevedere, soprattutto parlando di un'isola, una organizzazione sanitaria autonoma, con personale ridondante e non sottomisura, e che possa garantire una assistenza adeguata 365 giorni l'anno, senza dover sperare che l'elicottero non sia già impegnato altrove e che il meteo sia clemente.

Sarebbero auspicabili, e sono necessari, segnali forti da tutta l'amministrazione e la politica elbana, anche e soprattutto da quella neo-eletta, affinchè nel prossimo futuro la sanità e l'ospedale siano rinforzati e non continuino ad essere impoveriti...e tra l'altro con una spesa enorme...
Perchè la salute di ognuno di noi dovrebbe essere il primo pensiero e indipendente dalle bandiere e dalle tendenze di partito.

Luigi Lanera consigliere di minoranza comune di Portoferraio 

Indietro domenica 2 giugno 2019 @ 16:37 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus