Ion Neculai all'Accademia Ivan Francescato della F.I.R.

Di Elba Rugby

Rugby

Condividi

Ricordatevi questo nome Ion Neculai perché in futuro ne sentire parlare. Il nostro gigante buono, elbano e cresciuto nell'Elba Rugby , dopo aver concluso il percorso di due anni presso il Centro di Formazione Permanente under 18 di Prato, dal prossimo anno farà parte dell'Accademia Ivan Francescato. Dopo aver debuttato con la Nazionale Under 18, per la prima volta un elbano sarà nell'Accademia Nazionale under 20 a giocarsela con i più promettenti giovani rugbisti italiani. Una grande soddisfazione per Ion, per la sua famiglia e per tutti noi.

Un ringraziamento da parte dell'Elba Rugby va alla Cavalieri Union Rugby di Prato, che negli ultimi due anni lo ha "adottato" e fatto crescere, ed a tutto lo staff tecnico del C.D.F. di Prato, tecnici, manager, medici, preparatori atletici, fioterapisti ma anche al personale del convitto della F.I.R. che lo hanno accolto, sopportato, coccolato e fatto maturare sportivamente ed umanamente. Sapere di aver contribuito, di aver condiviso tutte le trasferte e le fatiche per partecipare per anni agli allenamenti regionali, le corse per rientrare con l'ultimo traghetto, le partite a carte, l'aver sopportato tutta quella pessima musica che lui, Pietro e Giordano ascoltavano è per noi motivo di orgoglio. Sembra ieri che ci preoccupavamo dei suoi voti a scuola, che lo chiamavamo per sapere come era andata l'interrogazione, che lo esortavamo a studiare ed a chiudere al meglio l'anno scolastico.... Ops!... Scusate questo accadeva proprio ieri ed accadrà anche domani perché noi siamo fatti così.

Caro Ion tra poco scriverai un'altra pagina della tua vita e noi saremo lì come sempre a tifare per te. Complimenti grande Ion!!!!

La tua e nostra Elba Rugby

Indietro giovedì 6 giugno 2019 @ 17:28 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus