Guardia Costiera: unità da diporto nelle acque di Pianosa, sanzionate

Di Capitaneria di Porto Portoferraio

Guardia Costiera

Condividi

È da poco iniziata la stagione turistica e, quest’anno, a far data dal 15 giugno, per tutta l’estate, un’unità navale della Guardia Costiera di Portoferraio è stata permanentemente dislocata presso l’isola di Pianosa con l’obiettivo di tutelare la sicurezza della navigazione, la salvaguardia della vita umana in mare e per contrastare ogni illecito marittimo a tutela di una zona di così rilevante interesse naturalistico.

Già nella giornata di domenica 16 giugno i militari della dipendente M/V CP 553 hanno sanzionato un’unità da diporto a vela che navigava in area interdetta alla navigazione, in prossimità della Scola, mentre anche oggi è stato individuato e sanzionato un diportista che si è spinto ad una distanza di poco superiore 100 mt. da cala Giovanna.

La presenza costante della motovedetta sull’isola ha permesso l’immediato raggiungimento di tangibili risultati in termini di repressione di condotte illecite e di elevati standard di protezione dell’area e costituisce, certamente, un significativo deterrente nei confronti di potenziali condotte irrispettose dei limiti di navigazione finalizzati alla tutela dell’ecosistema marino di Pianosa.

L’attività svolta a Pianosa, rappresenta una parte del grande impegno con il quale la capitaneria di porto di Portoferraio, sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Livorno ha dato avvio all’operazione mare sicuro 2019 ed esercita numerosi controlli, lungo tutto il litorale elbano, anche per garantire il rispetto della nuova Ordinanza di Sicurezza Balneare n. 28 del 31 maggio 2019. 

Fondamentale a tal proposito il rispetto delle norme relative alle zone di mare riservate ai bagnanti.
 

Indietro venerdì 21 giugno 2019 @ 11:26 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus