Le amministrazioni elbane sono ancora omofobe?

Di Simona Manzi, Matteo Mammini.

Elba

Condividi

Dal rapporto della Regione Toscana in merito all'Osservatorio permanente per la lotta contro le discriminazioni determinate dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere in Toscana condotto nel 2014-2015 risultava che 7 comuni su 8 - l’unico fu Portoferraio - fossero disinteressati, se non contrari, dalla tematica LGBTI*+; gli avvocati che avevano seguito il report evidenziavano che, mentre la gran parte dei comuni, degli enti e delle amministrazioni toscane, rispondevano favorevolmente e con orgoglio all’osservatorio, offrendo un impegno di collaborazione al fine di sensibilizzare la cittadinanza e realizzare azioni di contrasto alle discriminazioni verso i soggetti, l’Elba taceva.

Quest’anno molti comuni toscani, indipendentemente dal colore partitico, alcuni più piccoli di quelli della realtà dell’isola, hanno concesso il proprio patrocinio al Toscana Pride, manifestazione sui diritti LGBTI*+, e hanno aderito alla R.E.A.D.Y. (Rete nazionale delle Pubbliche Amministrazioni contro le Discriminazioni per orientamento sessuale o identità di genere); nonostante il comitato promotore del Toscana Pride avesse inoltrato una comunicazione di invito a tutte le amministrazioni toscane, e la stessa Regione Toscana invitasse alla concessione del patrocinio, una amara considerazione è doverosa, se si pensa che nessun comune elbano ha aderito a questi inviti.

Sotto tale aspetto, il contesto elbano pare sia sempre stato particolare e problematico: ad oggi tanti giovani, ma anche adulti, hanno ancora difficoltà ad esprimersi liberamente per il timore del pregiudizio altrui, per la soggezione vissuta all'interno delle famiglie, tanto più quando questo timore risulta istituzionalizzato, per azioni attive o semplicemente per mancanza di intervento. Quanti ragazzi e ragazze che conosciamo, sono stati costretti letteralmente a fuggire dall'Elba, per non subire il preconcetto del "diverso"?
Alle soglie del 2020 questo è inammissibile!

Ognuno deve potersi sentire libero di vivere il proprio orientamento sessuale e la propria identità di genere senza essere condizionato da nessuno.

E’ innegabile che sarebbe stato doveroso dalle amministrazioni elbane, tutte diverse rispetto a 5 anni fa, dare un input positivo, dimostrando che l’Elba non è un luogo omofobo che istituzionalizza la discriminazione.

Solo l'associazione elbana “Responsabilità in Comune” risulta aver aderito al Toscana Pride dal sito web della manifestazione, nessuna tra le amministrazioni locali.

Questa è una gravissima dimenticanza.

E’ stato chiesto, in solidarietà alla manifestazione ed ai numerosi cittadini elbani che fanno parte della comunità LGBTI*+, di fare un gesto simbolico: esporre la “bandiera rainbow” (quella che dal rosso va al viola) per tutta la settimana ma, ad oggi, nessuno lo ha ancora fatto.

Almeno questo, se non riuscissero entro venerdì a fornire il proprio patrocinio alla manifestazione Toscana Pride, è un gesto dovuto, per inviare un messaggio che l’isola d’Elba non è ferma al secolo scorso, e che ha fatto, seppur minuscoli, passi in avanti rispetto ad un report che ci vede isolati non solo geograficamente ma anche socialmente, storicamente e, quel che peggio, umanamente.

Confidiamo nell’accoglimento della richiesta.
 

Indietro venerdì 5 luglio 2019 @ 14:27 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus