Un grande successo per il Premio La Tore a Marciana Marina

La serata si è svolta nella cornice del rinnovato Arthotel Gabbiano Azzurro due e contestualmente alla premiazione di Guerri si è inaugurata la personale retrospettiva di Giancarlo Castelvecchi.

Premio Letterario

Condividi

‘Mi sono sentito come un cherubino su una nuvola…’ così il prof. Guerri ha commentato il suo soggiorno a Marciana Marina domenica 14 luglio per ritirare il premio La Tore che è giunto con successo alla sua quindicesima edizione.

La promozione dell’Evento da sempre è della Libreria Rigola di Franco e Lucia Semeraro, insieme con l’Hotel Gabbiano Azzurro, partecipa la Proloco di Marciana Marina, mentre il Comune concede il suo Patrocinio.

La serata si è svolta nella cornice del rinnovato Arthotel Gabbiano Azzurro due e contestualmente alla premiazione di Guerri si è inaugurata la personale retrospettiva di Giancarlo Castelvecchi, illustre pittore e docente elbano nonché stimato fondatore e a lungo presidente del prestigioso Premio Letterario Internazionale Raffaello Brignetti. Un artista fondamentale per l’isola che poco si fa per ricordarlo a pochi anni dalla sua scomparsa: per queste ragioni l’Arthotel e i figli Michele ed Ilaria hanno voluto omaggiare il babbo attraverso una preziosissima esposizione di tele di famiglia, gelosamante custodite fino ad oggi e che hanno volentieri e in amicizia voluto condividere attraverso il progetto Arthotel.

La serata è stata un grande successo sia per la numerosissima partecipazione di un pubblico attento sia per una conduzione snella e colta, affidata al prof. Angelo Filippo Rampini che, pur essendo docente di matematica finanziaria attuariale all’Univeristà di Brescia, ha mostrato una passione e un approfondimento delle tematiche letterarie dannunziane e dei paralleli nonchè complementari eventi artistici presenti senza eguali nella storia del premio.

Guerri, da par suo, ha lasciato che il tracciato delineato da Rampini creasse una perfetta sinergia tra conduttore e condotto che ha consentito di compiere una approfondita disamina di tutti gli argomenti trattati, senza che un solo spettatore non fosse coinvolto nelle vicende di Fiume e in generale non respirasse l’aria dell’epoca dannunziana, il tutto celebrato nel copioso, ma intrigante volume ‘Disobbedisco ‘ (Mondadori, 2019). Tutto ciò confermando quel che il Vate diceva di sé stesso. ..io ho sempre vissuto contro tutto e contro tutti- non soltanto in Fiume d’Italia- affermando e confermando ed esaltando me medesimo…’.

L’intevento di Adolfo Lippi, già regista Rai ed editorialista di fama, ha alleggerito con sagacia i toni che sono tornati poi molto seri all’atto della proclamazione di Guerri vincitore della quindicesima edizione del premio, con tanto di solenne lettura della motivazione, della consegna della targa della Libreria Rigola da parte di Franco Semeraro e della consegna del premio 2019 da parte di uno degli autori del trittico ’alba ti aspettiamo…’ ossia il maestro Lorenzo D’Andrea che realizzò anni fa appunto un serigrafia autenticata in originale con i coautori, i compianti Pietro Cascella e Mario Luzi. 

La serata, dopo la chiusa interessante e colta del maestro D’Andrea, è proseguita nel salone dell’Arthotel dove aspettavano il pubblico i due giovani pianisti del Conservatorio di Brescia Ilaria Cavalleri e Giulio Corrado che hanno intrattenuto con brani, anche a quattro mani, di ispirazione dannunziana gli ospiti, dopo aver eseguito brani di Chopin e Bach prima in piscina, come accompagnamento della conversazione. La sorella del pianista Chiara Corrado il prossimo anno sarà ospite con il suo violoncello.

Alla serata hanno poi partecipato la pittrice Francesca Groppelli, il maestro Simon Pasini autore di una grande opera realizzata nella sala colazioni dell’arthotel e Franco Giannoni attore della Compagnia dei tappezzieri marinesi diretta dal prof. Paolo Ferruzzi che ha letto alcuni brani del libro di Guerri. 

Dopo un ricco rinfresco realizzato da Elba di Gusto, dalla Vecchia Marina e dal Gran Bar la Perla, che è seguito alla cena istituzionale tenutasi presso il Ristorante Rendez-Vous durante un emozionante tramonto, la serata si è conclusa felicemente con la gioiosa chiusa dell’illustre Ospite che ha fatto sapere di essere stato accolto con affetto e simpatia. Acqua dell’Elba, che da sempre compra il premio, ha consegnato degli omaggi graditi a Guerri, mentre la doverosa e gentile presenza del Sindaco Gabriella Allori e dell’assessore Santina Berti ha dato alla serata un tocco importante ed istituzionale.

Jacopo Bononi -presidente

Per vedere le immagini della serata clicca qui:

https://teletirrenoelba.com/premio-la-tore-2019-serata-finale-al-arthotel-gabbiano-azzurro-premiato-il-prof-giordano-bruno-guerri/

Indietro martedì 16 luglio 2019 @ 09:46 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus