Progetto Memoria del "Foresi": la formazione degli insegnanti a Grosseto e Assisi

Al Via il Progetto Memoria con i percorsi formativi Summer Schools.

Istruzione

Condividi

Due insegnanti del "Foresi", impegnati nella realizzazione del Progetto Memoria, parteciperanno questa estate ai percorsi formativi di due Summer Schools. Un contributo in vista delle attività che coinvolgeranno gli studenti al rientro dalla pausa estiva.

La Summer School del Viaggio al Confine Orientale, organizzata dalla Regione Toscana, è il primo passo del progetto di formazione "Per la storia di un confine difficile. l'alto Adriatico nel Novecento" e la selezione dei docenti è stata fatta tramite bando dell'Ufficio scolastico regionale. Per il Foresi parteciperà la prof.ssa Ilaria Chirici. Si tratta di un corso intensivo, articolato in lezioni frontali e laboratori, che si svolgerà dal 28 al 31 agosto 2019 presso la sede dell'Ex Enaoli a Rispescia (Grosseto).

La frequenza del corso sarà propedeutica all’accompagnamento degli studenti al successivo viaggio-studio che si terrà nel febbraio 2020.

La Summer School organizzata dall’Istituto nazionale Ferruccio Parri e dalla Rete nazionale degli Istituti della Resistenza e dell’età contemporanea ha come titolo “La didattica della Shoah” e si terrà ad Assisi dal 29 al 31 agosto 2019.

Per il Foresi parteciperà il prof. Marco Ambra. "La Rete Parri degli istituti storici – spiega Ambra - si è sempre occupata, a partire dagli anni Novanta, di esplorare le forme di trattazione della Shoah attraverso lo sviluppo di forme di ricerca-azione, la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti, nonché del coinvolgimento degli studenti, per esempio con pionieristici viaggi di istruzione ad Auschwitz e in altri luoghi di memoria".

Il programma del corso di formazione si propone di: offrire un’informazione aggiornata sulle principali tematiche relative alla storia e alla memoria della Shoah, con 5 relazioni frontali affidate a noti studiosi dell’argomento; riflettere sulle ricadute didattiche degli argomenti trattati, con un’ampia scelta di laboratori condotti da esperti; ascoltare e discutere le esperienze di colleghi che hanno seguito corsi di formazione di alcune delle principali agenzie educative che si occupano di didattica della Shoah.

 

Indietro mercoledì 17 luglio 2019 @ 14:56 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus