Operazione Marepulito, pulizia di Cala Cupa

L’Operazione Marepulito, è stata organizzata dal Circolo Nautico Isola del Giglio, con il contributo del Parco Nazionale Arcipelago Toscano e patrocinata dal Comune di Isola del Giglio.

Isola del Giglio

Condividi

Ieri, 23 luglio 2019, si è svolta l’Operazione Marepulito, organizzata dal Circolo Nautico Isola del Giglio, con il contributo del Parco Nazionale Arcipelago Toscano e patrocinata dal Comune di Isola del Giglio, coinvolgendo i i bambini dei campi scuola di Giglio Bambino ed alcuni volontari. Al momento del raduno è stata regalata una maglietta, uno zaino ed il programma dell’Operazione Marepulito.

Terminato l’appello i ragazzi più grandi si sono diretti con le canoe verso Cala Cupa ed i rimanenti venivano accompagnati sulla barca dei sub, affinché partecipassero al recupero di un gommone affondato. Arrivati a Cala Cupa gli adulti volontari, il Presidente del Circolo Nautico e i Soci sono scesi a terra per pulire la cala dalle microplastiche e cassette di polistirolo portate dal mare, durante l’inverno, riempiendo 15 sacchi e un big bag. Nel frattempo, i sub tentavano di fare riemergere il gommone affondato e seguitavano nella pulizia del fondale della cala, riempiendo un altro big bag.

L’entusiasmo dei ragazzi era incontenibile e finita la pulizia, stremati dalla fatica e dal caldo ci siamo buttati tutti in acqua per un bagno ristoratore e nel frattempo, il gommone veniva trainato verso il Porto e consegnato, insieme ai sacchi e ai due big bag, a Giglio Ambiente per lo smaltimento.

Si ringraziano, per la pulizia di Cala Cupa il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, il Comune dell’Isola del Giglio, il Comandante di Circomare Graziano Ghimenti, Roberto Scotto della scuola sub per la disponibilità, Francesco Dietrich per il recupero del gommone, la famiglia di Peter Lubrani per l’ottimo lavoro svolto, Remo Mattera per aver accompagnato con le canoe i ragazzi alla cala, Antonio Belardo e Innocenzo Solari per aver prestato le canoe, Giovanna e Andrea Giannoni con il gruppo di Giglio Bambino, Beppe (l’Arinellaio) per il trasporto dei sacchi a terra. Inoltre, ma non per ultimi, si ringrazia Giovanni Andolfi per il supporto con il barchino e per la pulizia di una cavità, Rino Schiaffino, Alvaro Andolfi, Loris Rum, Stefano Feri e Massimo Bancalà.

 

Indietro mercoledì 24 luglio 2019 @ 09:20 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus