Una spettacolare dimostrazione della Scuola MAX Cani Salvataggio

Una spettacolare dimostrazione quella svoltasi a Porto Azzurro Domenica scorsa sulla Spiaggia di Barbarossa con i numerosi salvataggi in mare della Scuola Max Cani Salvataggio.

Porto Azzurro

Condividi

Una spettacolare dimostrazione quella svoltasi a Porto Azzurro Domenica scorsa sulla Spiaggia di Barbarossa con i numerosi salvataggi in mare della Scuola Max Cani Salvataggio Massa Toscana e interventi simulati di soccorso dei volontari della Pubblica Assistenza Porto Azzurro.

Realizzata con il patrocinio del Comune di Porto Azzurro, la manifestazione si è svolta per tutta la mattinata mettendo in evidenza l'importanza e l'utilità di queste unità cinofile sulle nostre spiagge.

La Scuola MAX Cani Salvataggio è nata 30 anni fa da Angelo Goldoni, attuale presidente della scuola, il suo nome (Max) è dovuto dal suo Terranova, con il quale ha fatto i primi salvataggi avvenuti nella Sics. La MAX impiega le proprie U.C. in attività di pattugliamento delle spiagge, salvaguardando cosi la sicurezza dei bagnanti che ogni anno si riversano nelle nostre splendide località balneari. Inoltre i membri della Scuola sono impegnati anche in progetti che si occupano di temi sulla sensibilizzazione per la sicurezza in mare, dell'educazione ambientale, dell'avvicinamento agli animali , addestrano cani da ubbidienza e della promozione della figura del cane all'interno della Società umana.

Sono stati svolti diversi salvataggi in mare alla presenza della Guardia Costiera dell'Isola d'Elba, che ha salvaguardato lo specchio d'acqua marino adiacente le prove d'intervento.

Tanti i cani impegnati che si sono prodigati a salvare uno, due e fino a cinque persone insieme, con notevole bagaglio formativo e dimostrando la tecnica e la "forza" necessaria per questi interventi esclusivi in mare.

Ad ogni scenario in mare del soccorso dei cani da salvataggio, i "finti infortunati" venivano portati sulla battigia della spiaggia di Barbarossa, dove i soccorritori della Pubblica Assistenza di Porto Azzurro li prendevano in carico, continuando diverse manovre salvavita che hanno suscitato interesse e ammirazione dei bagnanti della rinomata località balneare portoazzurrina.

Indietro venerdì 2 agosto 2019 @ 14:39 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus