Marciana Borgo D'Arte: proseguono gli incontri culturali del festival

Iniziative curate da associazioni e professionisti presenti sul territorio.

Marciana

Condividi

Proseguono gli incontri culturali del festival Marciana Borgo d’Arte pensati per includere iniziative curate da associazioni e professionisti presenti sul territorio. Infatti, obiettivo del progetto è anche quello di creare una rete stabile e sinergica fra enti, associazioni e professionisti che da anni si occupano di promuovere le ricchezze, la storia e il patrimonio culturale, naturalistico, artistico e storico del territorio. Le iniziative proposte sono a cura dell’associazione Marciana Aurea.

Ma che Homo sei?
Relatore Maddalena Giannì
Martedì 6 agosto
Collegiata San Sebastiano, Marciana, ore 21.30

Fin dall’inizio della storia della nostra specie l’uomo ha sentito il bisogno di spiegare la propria origine e dare un significato alla propria esistenza. Lo sviluppo e la diffusione di approcci scientifici rigorosi hanno portato gli studiosi a concentrarsi più sul “come” che sul “perché”, e il contributo di Darwin e colleghi ha portato allo stabilirsi di una visione evoluzionistica della vita sulla terra. La nuova concezione della specie umana come una tra le tante (e di certo non la migliore) non ha scoraggiato bensì ha incuriosito ulteriormente gli esploratori nel ‘900. I ritrovamenti in Africa, in Europa e in tutto il mondo riempiono anno dopo anno fior di musei e sono tutt’ora oggetto di dibattito, ma negli ultimi decenni un’altra sfida si è aggiunta per la ricerca antropologica: lo studio del DNA. La genetica, scienza giovane e in rapido sviluppo, si presta perfettamente alla ricostruzione di antichi scenari e ha permesso di risolvere un gran numero di dubbi avanzati da archeologi e antropologi, oltre a generare molte altre domande. L’analisi del DNA antico e moderno ha permesso di stabilire la nostra relazione di parentela con l’uomo di Neanderthal, di calcolare quanto tempo fa la linea umana si è separata da quella dello scimpanzé, di ricostruire il percorso compiuto dai primi gruppi umani usciti dall’Africa.
Il nostro stesso DNA ci ha rivelato i segni di antiche migrazioni e mescolamenti ed ha confermato o chiarito l’interpretazione di reperti e siti archeologici, ma molto resta ancora da scoprire. Cosa possiamo rispondere alla domanda “che Homo sei”?
Maddalena Giannì
Dipartimento di Scienze Animali, Università di Zagabria (Croazia)

Archeologia nella rada di Portoferraio: 7 anni di ricerche nella villa rustica di San Giovanni
Relatore Laura Pagliantini
Giovedì 8 agosto
Collegiata San Sebastiano, Marciana, ore 21.30

Gli scavi nel sito di San Giovanni (Portoferraio) si protraggono da 7 anni e stanno riportando in luce una villa romana, sviluppata su due piani, dotata di una cantina con sei grandi dolia in cui era conservato il vino. La conservazione della villa è apparsa fin da subito straordinaria: l’edificio, costruito alla fine del II secolo a.C. in larga parte in argilla cruda, è stato distrutto nel I secolo d.C. da un incendio che, “cuocendo” le strutture ne ha garantito la sopravvivenza. Intonaci e pavimenti decorati, anfore con ancora all’interno il loro contenuto e oggetti di pregio, vengono ogni anno riportati in luce e contribuiscono a scrivere un pezzo di storia inedito per l’isola d’Elba.
Laura Pagliantini
Archeologa e responsabile degli scavi archeologici di San Giovanni (Università degli Studi di Siena)

Matematica e navigazione
Relatore Graziano Gentili
Martedì 13 agosto
Collegiata San Sebastiano, Marciana, ore 21.30

Questo intervento vuol mostrare come la matematica appaia naturalmente e sia finemente intrecciata in questioni fondamentali di navigazione. Si illustreranno questioni di misurazione marina, di cartografia, di punto nave, ma soprattutto si darà una descrizione dell’astrolabio e della teoria che lo ha reso possibile, attingendo liberamente alla storia di questo strumento. Vedremo il ruolo che i matematici dell'antica Grecia e quelli arabi del tardo medioevo giocarono nella creazione e nello sviluppo dell’astrolabio. Mostreremo come sia possibile codificare la sfera celeste sul piano attraverso la proiezione stereografica e quali siano le sue sorprendenti proprietà.
Ma la navigazione marina non è l’unica navigazione nella quale i matematici possono aiutare, c’è anche un tipo di navigazione molto più recente….
Graziano Gentili
Dipartimento di Matematica e Informatica “Ulisse Dini", Università di Firenze.

Indietro domenica 4 agosto 2019 @ 11:13 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus